Protoreaster nodosus: la stella marina cornuta in acquario

Comune in acquariofilia, la Protoreaster nodosus o stella marina cornuta è famosa tra gli acquariofili e purtroppo anche tra i collezionisti di souvenir.


Protoreaster nodosus

Comune sia in acquariofilia che nel commercio da souvenir, la Protoreaster nodosus o stella marina cornuta è famosa tra gli acquariofili e purtroppo tra i collezionisti di souvenir. Nonostante questa familiarità, questa specie interessante e decorativa è molto fraintesa. Questo articolo intende riassumere la biologia e il mantenimento dell’acquario sulla base delle osservazioni delle specie in natura e in cattività.

Habitat naturale

Le Protoreaster nodosus principalmente popolano lagune sabbiose e fangose ​​e letti di alghe, e sono meno comuni sulle barriere coralline stesse, preferendo l’area della barriera posteriore. Solitamente si trovano in acque poco profonde, a profondità di 1-30 metri.

Questa specie si trova ampiamente nella regione tropicale Indo-pacifica. Si trova lungo la costa dell’Africa orientale, in Indonesia fino al sud del Giappone e nella costa settentrionale dell’Australia. può essere una stella marina molto comune e viene spesso raccolta, essiccata e venduta come souvenir.

Descrizione e distribuzione

La stella Protoreaster nodosus fu tra i primi animali ad ottenere un nome scientifico formale, essendo stata nominata dallo stesso Linneo nel 1758. Ha diversi nomi comuni, essendo conosciuta principalmente come la Stella marina cornuta o stella marina gocce di cioccolato.

È un membro della famiglia delle stelle marine Oreasteridae, un gruppo di stelle marine costituito da specie robuste con braccia corte e spesse. Altri membri della famiglia molto comuni in acquario includono la Protoreaster linkii e varie specie di Pentaceraster. La loro cura in acquario è simile a quella della stella marina cornuta, quindi ciò che viene detto in questa guida si applica ugualmente a queste stelle marine.

Protoreaster linkii

Protoreaster linkii

Le corna da cui il nome, si trovano solo sulla superficie aborale, cioè la superficie senza la bocca. Si ritiene che queste escrescenze scoraggino i predatori, rendendo la stella marina troppo difficile da inghiottire. Sfortunatamente per la Stella marina cornuta, le corna non scoraggiano gli umani a raccoglierla, per farne un souvenir.

selfie con stella marina

Il disco centrale può raggiungere un diametro fino a 12 cm e le braccia una lunghezza di circa 14 cm. Di conseguenza l’intera stella marina può raggiungere un diametro di 40 cm. Queste dimensioni massime sono raramente raggiunte in cattività, tuttavia, la maggior parte degli esemplari raggiunge circa 20-25 cm di diametro. La Protoreaster nodosus raggiunge la maturità sessuale quando il suo diametro è di circa 8 cm; a questo punto hanno solitamente 2-3 anni. La maggior parte dei negozi di acquari vendono esemplari di circa 10 cm di diametro, circa 5 o 6 anni. Gli esemplari più grandi venduti misurando circa 14 cm, cioè circa 17 anni.

Protoreaster nodosus rossa

I colori della Protoreaster nodosus possono essere abbastanza variabili. Il colore di fondo può essere bianco, giallo, marrone, rosso e anche bluastro, mentre i “trucioli” variano di colore dal grigio al marrone scuro.

Fisiologia

La fisiologia di Protoreaster nodosus è simile a quella di altre stelle marine. Cibo e rifiuti entrano e escono dalla stessa apertura, la bocca. Lo stomaco color arancione si muove mentre la stella si sta nutrendo. Mentre la preda viene digerita, lo stomaco viene lentamente riportato nella bocca. A causa del modo in cui si nutrono, è abbastanza facile vedere quali tipi di cibo preferiscono, di cui più sarà detto a breve.

Protoreaster nodosus bocca

L’acqua di mare viene pompata nel sistema vascolare dalla madreporite, una piccola struttura simile a una verruca sulla superficie aborale della stella marina che si trova di solito su un lato del disco centrale. La madreporite fornisce vari canali che costituiscono il sistema vascolare dell’acqua responsabile del movimento della bocca e del tubo. Il sistema vascolare dell’acqua funziona anche come sistema circolatorio della stella di mare, facendo molte delle cose che il sangue fa nei vertebrati.

Se l’aria rimane intrappolata nel sistema vascolare dell’acqua, la stella marina può ritrovarsi incapace di muoversi e alla fine muore. Le stelle marine a volte si trovano sopra la linea di galleggiamento in natura e hanno la possibilità di chiudere la madreporite e quindi prevenire il problema delle bolle d’aria. Ma questo presuppone che non vengano rimossi dall’acqua troppo velocemente, e gli acquariofili dovrebbero certamente evitare di rimuovere questi animali dall’acqua dove possibile, ma se devono, devono farlo lentamente, esponendo le braccia all’aria prima del disco centrale, in modo che la stella di mare possa reagire in modo appropriato.

Le Protoreaster nodosus e possono talvolta lasciare l’acqua volontariamente, nel qual caso avranno chiuso le madreporite. L’esposizione breve all’aria e alla luce solare non sembra causare danni a queste stelle marine.

stella marina cornuta anatomia

L’acqua all’interno del sistema vascolare delle stelle marine è essenzialmente identica all’acqua marina che li circonda e conseguentemente cambiamenti improvvisi di salinità e temperatura possono essere estremamente stressanti. È essenziale che le stelle marine siano acclimatate lentamente all’acquario domestico, in modo che abbiano il tempo di adattarsi alle differenze di salinità e temperatura rispetto a quelle del negozio di animali domestici. Maggiore è la differenza di salinità e temperatura, più lento dovrebbe essere il processo di acclimatazione; nella maggior parte dei casi, usare il metodo a goccia di acclimatazione, da mezz’ora a un’ora dovrebbe essere sufficiente.

Curiosamente, queste stelle marine possiedono una sorta di memoria, e sono apparentemente in grado di essere addestrate per essere alimentate in un punto specifico e in un momento specifico. In comune con altre stelle marine, hanno un sistema nervoso relativamente semplice senza un cervello, quindi il perché possano esibire un comportamento del genere rimane sconosciuto.

Riproduzione delle Protoreaster nodosus

Le stelle marine sono dioiche, ma i maschi e le femmine non possono essere distinti senza dissezione. La deposizione delle uova avviene tra marzo e maggio. La generazione sincrona dell’intera popolazione avviene alla luna piena, in coincidenza con l’aumento della temperatura e la diminuzione della salinità. La deposizione delle uova è stata segnalata spesso anche in acquario.

Protoreaster nodosus blu

Le uova sono piccole circa 0,2 millimetri di diametro. Le larve che emergono sono planctotrofiche, il che significa che trascorrono del tempo nel plancton nutrendosi di piccoli organismi. Soprattutto a causa di questo, sono notoriamente difficili da allevare in acquario. Le larve rimangono nel plancton per 10-14 giorni fino a quando non si depositano sul substrato e iniziano la loro vita esclusivamente bentonica.

Alimentazione Protoreaster nodosus

Alcuni acquariofili ritengono che questa stella marina sia resistente e facile da nutrire, mentre altri affermano che la sua longevità negli acquari è scarsa. Credo che dipenda moltissimo dall’acquario e dagli alimenti disponibili.

stella marina cornuta

In natura Protoreaster nodosus consuma principalmente piccoli animali microscopici trovati tra i granelli di sabbia e le pellicole microbiche e algali. Tuttavia, in cattività la stella marina cornuta mangerà una varietà molto ampia di organismi sessili e lenti, tra cui spugne, coralli molli, anemoni, bivalvi, lumache, vermi, ricci di mare, stelle marine più piccole e anche piccoli pesci se riesce a catturarli. Consumano anche detriti organici tra cui feci, carogne e erba marina in decomposizione.

stella marina cornuta alimentazione

Tuttavia, date le loro preferenze in natura, è probabile che questi alimenti di grandi dimensioni siano, almeno in una certa misura, alternative a ciò che dovrebbero veramente mangiare. Le stelle marine cornute vivono meglio negli acquari con un’alta qualità dell’acqua, ma abbastanza detriti e piccoli animali bentonici con cui nutrirsi. Acquari senza skimmer o filtri meccanici sembrano essere ideali, ma questi sono più difficili da mantenere in ottime condizioni per quanto riguarda la qualità dell’acqua, e possono essere raccomandati solo agli acquariofili più esperti.

I letti di sabbia profonda (DSB) di solito facilitano un’abbondante vita di invertebrati bentonici e, se ben popolati, forniranno molti dei tipi di prede che la Stella marina cornuta amerà mangiare. In ogni caso l’acquario per la Protoreaster nodosus deve essere molto maturo per consentire di alimentarsi regolarmente.

Manutenzione generale

Queste stelle marine, dato le loro dimensioni, andrebbero allevate in vasche da 250 litri in su. I parametri generali dell’acqua raccomandati sono simili a quelli di altri invertebrati marini tropicali: temperatura da 22 a 27°C; pH da 8,0 a 8,4; e nitrati sostanzialmente al di sotto di 20 mg/l.

Il mio consiglio per questa specie è di tenerli in una vasca con roccia viva; in un sistema DSB ben popolato con almeno 10 centimetri di profondità; varie specie di alghe rosse e verdi piuttosto che coralli; e solo pochi pesci di taglia media che preferiscono cibi più grandi di quelli consumati da queste stelle marine (vale a dire, non pascolatori o mangiatori di alghe).

L’acquario non dovrebbe avere né skimmer né filtrazione meccanica. La stella marina cornuta si nutre principalmente di biofilm, compreso quello sulla colonna d’acqua. Consumano anche i piccoli invertebrati bentonici e gli avanzi di cibo non consumati dagli altri pesci.

Malattia

Protoreaster nodosus è in grado di riprendersi da gravi ferite se la qualità dell’acqua è ideale e ha un adeguato approvvigionamento di cibo, ma in condizioni non perfette cadono rapidamente preda di infezioni batteriche che infettano piccoli graffi e altre ferite che possono facilmente procurarsi con le rocce.

Compatibilità con altri pesci o invertebrati

Sebbene le stelle marine siano abbastanza ben armate e generalmente ignorate dalla maggior parte dei pesci, molti tipi di pesci le vedranno come cibo, tra cui pesci balestra, pesce palla e pesce scatola. Tra gli invertebrati, le grandi stelle marine spesso consumano stelle marine più piccole se ne hanno la possibilità, e la Protoreaster nodosus può essere cannibale verso un’altra stella della stessa specie, quindi inserisci solo esemplari di dimensioni simili. Alcuni gamberetti sono predatori di stelle marine, in particolare quelli della famiglia Hymenoceridae, compresi i gamberi Harlequin Shrimps Hymenocera picta e Hymenocera elegans. Possono mangiare coralli molli e duri e spugne.

Compagni di acquario

In natura la Protoreaster nodosus si trova comunemente in simbiosi con il gambero di vetro Periclimenes soror. Questi gamberetti vivono sulle stelle marine e si mimetizzano con esse per apparire il meno possibile.

Periclimenes soror nella stella marina cornuta

Poiché molti pesci mangiano i gamberi, ma pochi mangiano le stelle marine, nascondersi su una stella marina è probabilmente un utile salvavita. Anche il gamberetto arlecchino è solito andare in simbiosi con la stella marina cornuta.

gamberetto arlecchino nella stella marina cornuta

Anche se questa coesistenza (o anche la possibile simbiosi) sarebbe un argomento molto utile per l’acquarista avanzato interessato all’ecologia marina, le stelle marine cornute sono quasi sempre importate senza questi gamberetti.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *