Pterophyllum Scalare: il Principe degli acquari tropicali


pterophyllum scalare
pterophyllum scalare

In questa scheda parleremo del pterophyllum scalare, considerato da molti uno dei pesci più belli ed eleganti da allevare in acquario alla pari con il discus. È un ciclide amazzonico originario del Brasile, Colombia e Perù.

Pterophyllum Scalare: il principe dell’acquario

Gli scalari sono a mio parere uno tra i pesci più belli pesci nell’hobby dell’acquariofilia. Questi pesci eleganti e docili non devono essere inseriti con piccoli pesci in quanto hanno il noto appetito del ciclide. Diventano lunghi 15 cm o più, quindi è necessario un acquario minimo di 180 litri per gli scalari, preferendo un acquario con una profondità di almeno 50 cm. L’acquario deve essere ben piantumato. Sono facilmente allevabili e crescono abbastanza in fretta. Sono possibili delle lotte occasionali, tipiche dei ciclidi. Ciò è più evidente se l’acquario è troppo affollato.

Una dimensione minima dell’acquario per una coppia di questi magnifici pesci è di 180 litri. Meglio allevarlo in una vasca monospecifica, poiché le sue pinne sono particolarmente allettanti. Se il discus è il Re dell’acquario, lo scalare è sicuramente il Principe.  La temperatura in vasca deve essere dai 26 ai 30 gradi, con un ph che va da 6 a 7,5 e una durezza compresa tra 5 e 10 dGH.

Comportamento in acquario

Straordinariamente belli e resistenti, si adattano praticamente a quasi tutte le configurazioni, in acquari con abbastanza spazio e in buone condizioni. Possono essere altamente competitivi in termini di alimentazione e non è raro che si possano verificare atti di bullismo. Crescono molto velocemente e i neofiti dovrebbero essere consapevoli della loro dimensione massima prima di inserire alcuni cuccioli di scalare nella loro vasca. Gli Pterophyllum Scalari grandi possono raggiungere fino a 17 centimetri in pochi anni. La maggior parte degli scalari ha un carattere molto territoriale, mentre altri sono anche giocosi, amichevoli e capaci di interagire in modo significativo sia con gli altri scalari che con le creature al di fuori del vetro dell’acquario.

Alimentazione

Gli scalari accettano di buon grado fiocchi, cibo in pellet, cibi vivi congelati. Conta che sono molto lenti tanto nella nuotata, quanto nell’andare a prendersi il cibo. Quindi assicurati che tutti abbiano usufruito della loro razione quotidiana.

Sesso

Di solito è molto difficile distinguere uno scalare femmina da un maschio, dal momento che sembrano quasi identici. Una femmina carica di uova sarà più gonfia e un maschio normalmente sarà più snello, ma la maggior parte degli acquariofili che li tengono in vasca non sono in realtà sicuri del sesso dei loro pesci fino a quando non si accorgono che stanno deponendo le uova.

Dieta per indurre la riproduzione

Il pterophyllum scalare di solito deve diventare almeno 5 cm prima che siano abbastanza maturi per riprodursi la prima volta. Se mantenuto con una dieta appropriata, ci vorranno tra gli 8 e i 12 mesi. Per la riproduzione, devono essere eseguite adeguate modifiche dell’acqua e la temperatura dell’acqua deve essere mantenuta tra i 25° e 29° C . È necessario anche un cibo adatto per favorire le condizioni di riproduzione. La dieta deve essere variegata. I cibi preparati appositamente per scalari, contengono un mix dei seguenti ingredienti:

  • Larve di zanzara,
  • daphnia,
  • carni bovine,
  • gamberi grandi tagliati nella dimensione adatta.

Questi sono esempi di alimenti usati per indurre lo scalare alla riproduzione. Quando gli scalari sono in condizioni adeguate e i parametri dell’acqua sono di loro gradimento, poseranno le loro uova su quasi tutte le superfici verticali piatte come riscaldatori, il vetro dell’acquario, ecc.

Metodi per proteggere le uova

Diversi metodi sono adottati dagli allevatori di scalari per proteggere le uova dai pesci adulti. Alcuni rimuovono tutti i pesci tranne la coppia di allevamento dall’acquario, mentre altri scelgono di rimuovere la coppia di allevamento e li trasferiscono in un altro acquario. Ogni Pterophyllum Scalare adulto rappresenta una minaccia per le uova, e molti allevatori preferiscono spostare le uova in un altro acquario non appena sono state fecondate anche se è un procedimento delicato e molto difficile, senz’altro il più rischioso.

Se la coppia di scalari non ha mai fecondato, è una buona idea lasciarli fare una o due volte nel loro normale acquario senza la tua intromissione. Se li sposti in un acquario allestito per la riproduzione durante la loro prima volta, potrebbero confondersi e fermare il processo riproduttivo. È normale che i genitori mangino le uova alla loro prima riproduzione, e se ciò accade, la femmina di solito depositerà le uova dopo poche settimane.

Cura degli avannotti

Se le uova non sono fecondate, cominceranno a diventare bianche dopo circa 24 ore. Se non sono stati mangiati da altri abitanti dell’acquario, le uova non fecondate saranno attaccate da funghi e cominceranno a decomporsi dopo circa 48 ore. 48 ore dopo essere state depositate, le uova fecondate, dall’altro lato, inizieranno a mostrare le code degli avannotti.

Il terzo giorno, le sacche saranno visibili. Se i genitori sono ancora nello stesso acquario dell’uovo, a questo punto inizieranno a nuotare intorno agli avannotti prossimi alla nascita.
Il quarto giorno sarai in grado di vedere dei piccoli occhietti dall’uovo e il quinto giorno le sacche cominceranno a restringersi. Molto presto la prima “cucciolata” inizierà a nuotare liberamente. Una buona qualità dell’acqua insieme a frequenti cambi e una dieta variata è la chiave della buona riuscita per far crescere la prole ed avere un tasso di mortalità degli avannotti ridotto al minimo. Gli adulti sono generalmente resistenti mentre i giovani possono essere piuttosto fragili.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *