Pesci stressati: 5 fattori di stress esterni


pesci stressati
pesci stressati

Pesci stressati, è una parola molto ricorrente in acquariofilia, scopriamo il modo migliore per far vivere bene i nostri amici pinnuti.

La maggior parte degli acquariofili marini, vogliono fornire un ambiente naturale e privo di stress per i pesci e gli altri animali che ospitano in vasca, ponendo molta cura e attenzione alla qualità dell’acqua, ad offrire cibi nutrienti, a promuovere la compatibilità tra i pesci, inserendo rocce vive in quantità e componendo fantastici layout. In altre parole, non hanno tralasciato nulla su ciò che accade all’interno dell’acquario. Ma cosa può succedere fuori dalla vasca? 

A volte, gli acquari mantenuti e progettati coscienziosamente possono comunque contenere pesci stressati a causa di varie influenze esterne che non possono essere imputate all’acquariofilo.

Ecco cinque fattori di stress esterni ai pesci d’acquario marini:

1) Le vibrazioni rendono i pesci stressati

Prova questo piccolo esperimento: stai sul lato opposto della stanza dal tuo acquario e grida, fischia, o sbatti le mani e osserva il tuo pesce. Poi, colpisci il piede sul pavimento, tenendo sempre d’occhio i tuoi animali da acquario. Molto probabilmente, il grido, il fischio o il clap avranno avuto poco o nessun effetto sul comportamento del tuo pesce, ma il tremolio sul pavimento li ha mandati in confusione.

La spiegazione è che i suoni più elevati prodotti nell’aria, non sono un gran problema, in quanto i rumori difficilmente attraversano l’interfaccia aria/vetro/acqua e, pertanto, tendono a passare inosservati dai pesci. D’altra parte invece, le vibrazioni a bassa frequenza che percorrono superfici solide saranno sicuramente trasferite nell’acquario e sentite dal pesce.

Mentre molti pesci sembrano crescere abituati a vibrazioni a basso livello costante, come quelle prodotte da una pompa dentro l’acquario, sono invece sensibili a vibrazioni improvvise e intermittenti, come porte chiuse forte, il suono a tutto volume di altoparlanti o il rombo della moto del tuo vicino.

2) Illuminazione non naturale della stanza

In natura, i pesci sono sottoposti ad un ciclo diurno con livelli di luce molto variabili. Improvvisamente accendere le luci della stanza dopo che i pesci sono stati in oscurità totale o accendere e spegnere continuamente le luci può essere estremamente stressante. Idealmente, il tuo acquario dovrebbe essere posizionato in una stanza in cui ciò non dovrebbe essere un problema. Altrimenti, dovrai essere consapevole di questo stress e semplicemente lasciare la stanza accesa finché non se ne saranno andati tutti.

3) Movimento imprevedibile

Un certo “grado di attività” umana in prossimità di un acquario è inevitabile, ma deve essere evitato un movimento eccessivo. Ricorda, per quanto riguarda i pesci, qualcosa di sconosciuto che si muove vicino, potrebbe essere un predatore in cerca di cibo o un concorrente per le proprie risorse. Ciò può portare i tuoi pesci ad essere stressati facendogli assumere posizioni di combattimento o difesa quando c’è troppa attività nelle vicinanze.

4) Sbalzi di temperatura nell’ambiente

I riscaldatori per acquari di oggi rendono piuttosto facile impostare e mantenere la temperatura dell’acqua desiderata, ma se la temperatura dell’aria nella stanza varia in maniera traumatica, si possono verificare sbalzi anche in vasca. Questo è di solito un problema durante le stagioni più calde in case prive di aria condizionata. Se si incontra questo problema, l’installazione di un refrigeratore per acquario a ventole raffreddanti è altamente consigliata.

5) Bambini piccoli = pesci stressati

Come già sanno tutti i genitori con un acquario, i bambini piccoli possono essere causa di molti dei fattori sopra menzionati: vibrazioni, luci accese e spente ripetutamente, porte sbattute, botte nel vetro dell’acquario, inseguimenti di pesci da un’estremità all’altra dell’acquario, e così via. L’opzione migliore è quella di creare “regole fondamentali” per i nostri giovani (non correre,, non lanciare giocattoli, non torturare di pesci, ecc.) e sorvegliarli molto da vicino ogni volta che si trovano nelle vicinanze della vasca.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: