Alla scoperta delle foglie di catappa, un miracolo della natura direttamente in acquario

Le foglie di catappa, note anche con il nome di foglie di mandorla tropicale o mandorla Indiana, stanno diventando molto popolari come medicina naturale e come condizionatori d'acqua per l'uso in acquariofilia. Con questa guida cercherò di fare chiarezza, e di spiegarti come usarla correttamente in acquario.


foglie di catappa in acquario amazzonico

Le foglie di catappa, note anche con il nome di foglie di mandorla tropicalemandorla Indiana, stanno diventando molto popolari come medicina naturale e come condizionatori d’acqua per l’uso in acquariofilia. Con questa guida cercherò di fare più chiarezza, ma anche di spiegare come usarla correttamente in acquario.

Introduzione sulle foglie di catappa

Le foglie di catappa sono note ai più, se non a tutti gli allevatori asiatici di pesci tropicali che prosperano nelle acque nere, per essere uno dei migliori condizionatori d’acqua naturali. La catappa viene usata anche come antibiotico naturale contro le malattie dei pesci, e per farli crescere in maniera sana. Sono note anche per avere proprietà anti-batteriche e anti-fungine. Si è notato addirittura che i Betta alcune volte vengono indotti a deporre le uova semplicemente immettendo alcune foglie nel loro acquario. I pesci che soffrono di ferite dovute alla deposizione delle uova, trarranno sicuramente beneficio dall’inserimento delle foglie di catappa nella loro vasca di deposizione.

foglie di catappa in acquario

Ma possono anche essere usate in un normale acquario domestico. Quando vengono immerse in acqua, queste foglie donano all’acqua una forte colorazione marrone, dovuta al rilascio di acidi organici come acidi umici e acidi tannici. Questi possono essere utili per inibire molti tipi di batteri e annullare i metalli pesanti presenti nell’acqua di rubinetto se immessa in acquario. Non c’è da meravigliarsi quindi se queste foglie sono spesso soprannominate “le foglie dei miracoli”

Come usare queste foglie?

Ci sono almeno 4 modi per usarle in acquario, così potrai scegliere il metodo che più si addice a te.

Metodo 1: Direttamente in acquario

foglie di catappa direttamente in acquario

Questo metodo è semplice: basta semplicemente immettere le foglie nel tuo acquario. Dopo 1-3 giorni, quando le foglie saranno completamente imbevute d’acqua, affonderanno. A parte i loro effetti benefici in termini di qualità dell’acqua, ambreranno leggermente l’acqua. Inoltre, forniranno al tuo acquario un aspetto molto naturale grazie anche alla loro presenza nel fondo della vasca.
Quante foglie usare? Bene, la risposta è molto semplice: quante ne vuoi.

foglie di catappa a galla in acquario

Ma ricorda che, più foglie immmetti più scura sarà l’acqua e più basso sarà il Ph, anche se è improbabile che possa scendere al di sotto di 6. Puoi anche utilizzare le foglie come substrato in vasca, insieme a legni di torbiera o un tronco d’albero con molte radici, utilissimi a creare un fantastico layout amazzonico adatto a pesci d’acque nere. Come regola generale, se non sei un amante dell’acqua ambrata potresti comunque usare un paio di piccole foglie, poi dipende anche dal litraggio della vasca.

Inoltre, se stai pensando di riprodurre i betta, ti consiglio di far affondare una o più foglie, perché la femmina possa usarle come nascondiglio, e lasciare che almeno una foglia galleggi. Il betta maschio con molta probabilità costruirà il suo nido di bolle al di sotto della foglia di catappa galleggiante. Con il nido di bolle che spingerà verso l’alto, la foglia galleggerà abbastanza a lungo affinché le uova si schiudino e gli avannotti comincino a nuotare liberamente in vasca.

Se si utilizzano le foglie per un acquario più grande, ad esempio per allevare tetra, gourami, apistogramma o plecostomus, consiglierei di inserire 2-3 foglie grandi, o 4-6 piccole ogni 100 litri d’acqua. Non c’è bisogno di cambiare le foglie. Fino a quando non cominceranno a disgregarsi in circa 3 settimane, fino ad un mese. Se hai pesci tipo plecostomus, se ne nutriranno quando cominceranno a sciogliersi e non ne troverai traccia alcuna.

Metodo 2: metodo del sacchetto nel filtro

Con questo metodo, avrai bisogno di un sacchetto con dei microfori. Possono andar bene le calze da donna, in modo che le sostanze organiche presenti nelle foglie fuoriescano. Accartoccia 2-3 foglie grandi per ogni 25 litri e inseriscile nel sacchetto, e lascialo in un compartimento del filtro in testa vicino all’ingresso nel filtro. Le foglie inizieranno ad ambrare l’acqua in un paio di giorni, e funzioneranno per 14-21 giorni, dopodiché dovrebbero essere sostituite con delle nuove.

Metodo 3: in ammollo separatamente

catappa secchio

In questo metodo, avrai bisogno di un secchio riempito d’acqua, in cui dovrai immergerci le foglie di catappa. Dopo alcuni giorni, è possibile versare l’acqua molto ambrata direttamente in vasca. È inoltre possibile aggiungere un cucchiaio pieno di sale nel secchio. È consigliato usare un aeratore al suo interno, per fornire circolazione e aerazione all’acqua. Usando questo metodo, se non vuoi ambrare l’acqua, puoi lasciare le foglie nel secchio, finché l’acqua non perde definitivamente la colorazione ambrata.

Metodo 4: Metodo “del tè”

Questo metodo consiste nel farsi semplicemente del tè alle foglie di catappa, usando le bustine di mandorle indiane, che possono essere reperite anche in erboristeria, o semplicemente estraendo il succo, e quindi le sue proprietà benefiche, dalle foglie.
Se userai il metodo delle bustine di tè, assicurati che i sacchetti siano di materiale insolubile in acqua. C’è da dire anche che la maggior parte di queste bustine contengono mediamente solo una / una e foglia e mezzo di catappa, quindi regolati di conseguenza. Metti la bustina o una grande foglia accartocciata in una tazza e aggiungici l’acqua calda. Lasciala raffreddare, e quando avrà fatto ciò, l’acqua assumerà una colorazione molto scura. Fatto ciò potrai immettere l’acqua direttamente in acquario.

Qual è il metodo migliore?

In conclusione, qual è il metodo migliore per usare le foglie di catappa dipende tutto da te, scegli tu quale può essere il metodo più consono alle tue esigenze, soprattutto riguardo la gestione del tuo acquario. Un altro consiglio che voglio darti è quello di lavare accuratamente le foglie di catappa, a prescindere che siano di provenienza industriale o raccolte in natura. Basta semplicemente risciacquarle energicamente sotto l’acqua corrente prima di usarle. Ricorda che le foglie di qualità, cioè che non sono state battute da precedenti intemperie prima di essere raccolte, tendono a richiedere più tempo per rilasciare le loro proprietà benefiche in vasca, quindi porta pazienza. Se le tue foglie sono battute dalle intemperie, possono perdere rapidamente i tannini, e la maggior parte delle proprietà benefiche potrebbero essere già state eliminate per colpa della pioggia visto che le foglie si sono bagnate prima di essere state raccolte.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *