Tutte le specie di Cryptocoryne, ecco la guida definitiva

Il nome Cryptocoryne è un nome usato per racchiudere un gruppo di piante appartenenti alla stessa famiglia che sono molto popolari nell’hobby dell’acquariofilia. La parola deriva dalla parola greca krypto, che significa nascosto, e koryne, che significa bastone. Scopri tutto sulle crypto


Cryptocoryne albida

Cryptocoryne albida

Il nome Cryptocoryne è un nome usato per racchiudere un gruppo di piante appartenenti alla stessa famiglia che sono molto popolari nell’hobby dell’acquariofilia. La parola deriva dalla parola greca krypto, che significa nascosto, e koryne, che significa bastone, che si riferisce allo spadice nascosto dalla parete basale (un’infiorescenza, o un grappolo di fiori su un gambo, dove i piccoli fiori sono affollati su un asse ispessito e carnoso) nella struttura del fiore.

Esistono 58 specie riconosciute, e di queste meno di una dozzina sono adatte per l’acquariofilia. Di quelle specie adatte, ci sono diverse varianti coltivate (conosciute come cultivar) che producono diversi colori e forme delle foglie, e ci sono anche variazioni regionali dell’habitat delle specie.

Anatomia della Cryptocoryne

Anatomia Cryptocoryne

Anatomia Crypto

Lo spadice, una struttura fiorita tipica della famiglia, è il “bastone” che contiene gli organi riproduttivi maschili e femminili. Gli stami (un organo portatore di polline in un fiore) si trovano nella parte superiore dello spadice, mentre gli stimmi (la parte superiore libera dello stile – la parte sottile tra lo stigma e l’ovaia) di un fiore in cui il polline cade e si sviluppa) sono in basso vicino alla cavità della camera chiamata bollitore. Polline e uova risiedono anche nel bollitore, che ha colori brillanti che attirano gli insetti per l’impollinazione.

spadice

Spadice

stami crypto

Stami di due diverse Crypto

Molte delle specie di Cryptocoryne sarebbero impossibili da distinguere se non per la struttura del fiore, che non fiorisce sott’acqua. Queste forme fogliari vanno dal lungo e cinturino a ovato (tondo o ovale), e anche erbaceo, a molto piccolo e a forma di cucchiaio. Tipicamente, i colori sono toni terrosi scuri di verde, rosso e bronzo e sono apprezzati nell’acquario per raggruppamenti o file distintivi. Gli habitat tipici della Cryptocoryne sono i meandri dei fiumi nelle foreste di pianura. Vivono anche in stagni di inondazioni stagionali o argini di fiumi allagati. Sebbene il nome scientifico corretto del genere sia Cryptocoryne, vengono comunemente definiti “cripte“.

Cryptocoryne, la provenienza delle specie da acquario

La maggior parte delle specie di acquario più comuni provengono da Sri Lanka, tra cui la Cryptocoryne wendtii (e diverse varietà e ibridi), Cryptocoryne  walkerii (altrimenti noto come Cryptocoryne lutea), Cryptocoryne undulate e Cryptocoryne becketii (tra cui la varietà conosciuta come “petchii“). Queste crescono in piccoli corsi d’acqua in terreni di vario tipo (argille sabbiose, argilla, lettiere di foglie) e soprattutto in acque dolci e acide. Queste specie si adattano facilmente all’acquario e tollerano una più ampia varietà di condizioni dell’acqua rispetto ad altre specie di Crypte e sono state riprodotte nelle serre di tutto il mondo. Negli ultimi anni sono state introdotte in acquariofilia altre specie in Malesia, Indonesia, Sumatra e Borneo e alcune sono più impegnative di altre, ma tutte si sono dimostrate adatte agli acquari.

Cura delle Cryptocoryne

I requisiti di cura specifici variano da una specie all’altra. In generale, la maggior parte delle cryptocoryne per l’acquario sono adattabili a acque moderatamente acide o moderatamente dure con tre requisiti fondamentali: substrato fertile, stabilità del sistema e acqua pulita. Questi tre requisiti devono essere soddisfatti per evitare la sindrome della “cripta-fusione“. Mentre queste piante sono spesso pensate come piante che possono crescere a bassa luminosità, solo poche specie tollerano i livelli di luce scarsa. Tutte le cryptocoryne prospereranno sotto una luce più intensa.

Illuminazione

Come altre piante, le cryptocoryne hanno bisogno di luce e nutrienti per crescere e svilupparsi al massimo delle loro potenzialità. Il colore della luce è determinato dal valore Kelvin ed è più per un beneficio estetico che per la crescita delle piante. La luce ideale per le piante deve avere un valore di circa 6500 K.

Substrato

Un altro fattore da considerare è il substrato. Come la maggior parte delle piante a rosetta, le cryptocoryne crescono più vigorosamente in terreni ricchi di sostanze nutritive. Tipici terreni sabbiosi o ghiaia neutri si dimostreranno di non avere alcun valore nutritivo per queste piante. Mentre la maggior parte dei substrati commerciali per acquari sono di ghiaia argillosa, che fornisce ferro e altri minerali, ma sono privi di materiale organico. Sebbene questi substrati non forniscano azoto o altri macronutrienti, sono considerati sicuri perché inerti. Nel tempo, con la maturazione dell’acquario, con il materiale organico che si deposita sul fondo del substrato può fornire una buona fonte di azoto e alcuni altri macronutrienti per le piante. Questo è il motivo per cui spesso si vedono varie specie di Cryptocoryne prosperare in vecchi acquari con una luce mediamente bassa non ricevendo alcuna fertilizzazione supplementare.

Lo sfaldamento delle crypte

Le specie Cryptocoryne potrebbero improvvisamente sfaldarsi completamente, fenomeno in cui tutte o quasi tutte le foglie si disintegrano. Le cause e le circostanze esatte di questo fenomeno non sono mai state completamente stabilite. È stata anche definita una malattia di questa pianta.

È noto però, che varie condizioni ambientali possono innescarlo. Cambiamenti improvvisi di temperatura, qualità dell’acqua, livelli di nitrati o ammoniaca possono innescare questo fenomeno. È stato osservato che si verifica in habitat naturali durante i cambiamenti stagionali e periodi di precipitazioni ridotte. Potrebbe benissimo essere un meccanismo di difesa della pianta stessa. Se lasciata indisturbata in condizioni stabili, di solito ricrescerà totalmente formando nuove foglie in poche settimane a pochi mesi. Il più grande errore che gli acquariofili commettono quando questo malessere colpisce la pianta è pensare che le loro cryptocoryne siano morte, buttando via ciò che resta della pianta.

I vari tipi di cryptocoryne

Le seguenti sei cryptocoryne crescono meglio se posizionate nella parte anteriore o centrale della vostra vasca.

Cryptocoryne albida

Cryptocoryne albida

C. albida

 

Questa specie è originaria del Myanmar e del sud della Thailandia. Questa pianta corta ha lanceolate strette (affusolate a un punto, simili a una lancia) che vanno dal verde chiaro al marrone rossiccio. Tende a rispondere in modo più favorevole all’acqua dolce leggermente acida, e ad un substrato ricco di sostanze nutritive. È meglio piantarla in primo piano in acquario, non troppo vicina ad altre piante. Questa pianta non è sempre disponibile commercialmente, ma occasionalmente viene importata.

Cryptocoryne affinis

Cryptocoryne affinis

C. affinis

 

Presente nella penisola malese, questa pianta è utilizzata negli acquari da più di 50 anni. È abbastanza facile da coltivare, ma la disponibilità commerciale va e viene, va a periodi. A ragione di ciò la Cryptocoryne affinis non è una pianta facile da far propagare e produrre in serie; pertanto, i vivai spesso scelgono volontariamente di non coltivare questa pianta. Questa bellissima pianta può variare in altezza dai 10 ai 30 cm di altezza, a seconda delle condizioni della vasca. Il lato superiore delle foglie lanceolate è di un verde brillante con motivi venosi più leggeri e spesso bullate (raggrinzito, gonfiato come una vescica), mentre la parte inferiore è rosso / blu. La Cryptocoryne affini può crescere velocemente, in condizioni a suo piacimento. Ma bisogna dire che anch’essa è incline a sciogliersi se l’acquario non è tenuto stabile.

Cryptocoryne walkerii (ex Cryptocoryne lutea ):

Cryptocoryne walkerii

C. walkerii

 

Come la Cryptocoryne wendtii e altre crypte dello Sri Lanka, la Cryptocoryne walkerii è una delle cryptocoryne che dovrebbero essere inserite in ogni acquario piantumato. È facile da coltivare, versatile e molto attraente. Si propaga facilmente e cresce ad un ritmo moderato sotto una luce da media a intensa.

Cryptocoryne parva

Cryptocoryne parva

C. parva

 

Originaria dello Sri Lanka, questa pianta è la più piccola Cryptocoryne. Raggiunge solo dai 5 ai 7,5 cm di altezza. Ha piccole foglie a forma di cucchiaio. Può adattarsi ad acque da dure a morbide e necessita solo di luce moderata. È una meravigliosa pianta da primo piano con un unico inconveniente: cresce molto lentamente. Una luce più intensa produce una crescita che cresce orizzontalmente, mentre livelli più bassi di luce inducono la pianta a diventare più alta.

Cryptocoryne wendtii

Cryptocoryne wendtii

C. wendtii

 

Questa è probabilmente la specie di Crypto più conosciuta e coltivata. La Cryptocoryne wendtii è disponibile in una vasta gamma di colori e dimensioni. Rosso, verde, bronzo e marrone sono i colori standard per questo pianta nativa dello Sri Lanka. Le variazioni di forma e dimensione delle foglie della Cryptocoryne wendtii includono varianti  strette, larghe, alte e corte. È indiscutibile che questa è la specie di Crypto più facile da coltivare in acquario. Questa specie è adatta per le aree centrali e di sfondo in un acquario piantumato.

Cryptocoryne undulata

Cryptocoryne undulata

C. undulata

 

Questa specie si trova in natura nella parte centrale dello Sri Lanka. È seconda solo alla Wendtii nell’essere la crypto più facile da coltivare in acquario perché è altamente adattabile. Il colore di questa specie varia da un verde medio a un marrone scuro o rosso. Questo gruppo di Crypte è esteticamente più piacevole quando è piantata con cura nelle aree centrali e sullo sfondo dell’acquario.

Cryptocoryne cordata var. blassii

Cryptocoryne cordata var. blassii

C. cordata var. blassii

 

Esistono diverse varietà di Cryptocoryne cordata, ma la Cryptocoryne cordata var. blassii (proveniente dalla penisola malese) è la varietà più comune in acquario. Le sue grandi foglie rotonde, la parte superiore verde oliva e la parte inferiore color rosso barbabietola ne fanno una pianta attraente per la parte centrale ed il retro dell’acquario. Possono essere necessarie diverse settimane o addirittura mesi affinché la pianta si stabilisca dopo la sua piantumazione. Una volta stabilizzata, la crescita tende ad essere più vigorosa. Sembra adattabile all’acqua dura ma può fare meglio anche in acque morbide, leggermente acide.

Cryptocoryne crispatula var. balansae

Cryptocoryne crispatula var. balansae

C. crispatula var. balansae

 

Dall’India e dalla Tailandia, questa pianta viene solitamente venduta con il nome “balansae”, ma è considerata una variante della Cryptocoryne crispatula . La cryptocoryne Balansae può sicuramente prendersi del tempo per prosperare, ma vale la pena aspettare. Le sue lunghe foglie verde scuro a forma di cinghia crescono fino a 40 cm e spesso hanno una meravigliosa superficie a fossette. Cresce meglio in acqua moderatamente dura e luce intensa. Le foglie crescono dritte e si arcuano sulla superficie dell’acqua.

Cryptocoryne pontederifolia

Cryptocoryne pontederifolia

C. pontederifolia

 

La Cryptocoryne pontederifolia è una sorprendente pianta verde chiaro con foglie ovali di buona dimensione, più larghe alla base e punte affilate e allungate. La specie proviene dal Sumatra. La luce da moderata a brillante è tutto ciò di cui ha veramente bisogno. Non è una pianta che cresce bene se frequentemente potata e ripiantata.

Cryptocoryne moehlmannii

Cryptocoryne moehlmannii

C. moehlmannii

 

Quasi identica alla Cryptocoryne pontederifolia e proveniente dalla stessa località geografica, questa pianta ha in genere foglie meno allungate che possono avere una superficie liscia e lucida. Le sue crescenti esigenze sono le stesse delle altre crypte in questo gruppo.

Cryptocoryne ciliata

Cryptocoryne ciliata

C. ciliata

 

Proveniente dall’India e dalla Nuova Guinea, questa è una pianta longeva e altamente adattabile. Cresce in una varietà di condizioni di acqua, tra cui quella salmastra. Una forte luce consente alla pianta di crescere ad un ritmo ragionevole. Si adatta bene alla crescita sopra l’acqua, quindi adatta ai paludari.

Cryptocoryne usteriana

Cryptocoryne usteriana

C. usteriana

 

Questa pianta, proveniente dalle Filippine, è molto attraente e cresce bene in acqua dura con poco sforzo o cure speciali. Può diventare abbastanza grande con foglie simili a cinghie che si drappeggiano sulla superficie dell’acqua. In genere, le foglie sono di colore verde scuro e increspate sul lato superiore con una parte inferiore di colore rosso scuro che spicca. Un ibrido sviluppato recentemente in Germania è rosso su entrambi i lati delle sue foglie. La Cryptocoryne usteriana occasionalmente fiorisce sott’acqua, ed è l’unica crypto che si sappia che riesca a farlo. Una pianta sana potrebbe produrre diverse nuove piante nell’arco di un anno,e questa pianta sta diventando sempre più disponibile commercialmente.

Conclusioni

Indipendentemente se stai cercando qualcosa di semplice o impegnativo da coltivare, il genere Crypto ha una pianta per ogni esigenza e conoscenza sui fabbisogni delle piante in acquario. Finché si avrà pazienza e voglia di fare con queste piante e si sarà disposti a concedere loro il tempo di stabilirsi e crescere nel proprio acquario, non rimarrete assolutamente delusi da questa fantastica pianta.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *