Cirrhitichthys falco: il pesce falco dal fascino indescrivibile

Il Cirrhitichthys falco o pesce falco nano o anche pesce ranocchia, fa parte della famiglia dei Cirrhitidae. Il suo corpo è globalmente bianco con strisce rossastre-arancioni sul viso e macchie e chiazze di colore simile che formano bande verticali lungo i fianchi. Le sue pinne dorsali e caudali posteriori sono a pois.


Cirrhitichthys falco

Se devo consigliarti un pesce divertente e semplice da allevare non riesco a non pensare al pesce Falco (Cirrhitichthys falco), o anche pesce falco nano. Se c’è un pesce marino più resistente, più facile da nutrire e più divertente da osservare rispetto a questa specie dell’Oceano Indo-Pacifico, non ne sono a conoscenza. Il Cirrhitichthys falco è la scelta ideale per gli appassionati di tutti i livelli di esperienza, dai principianti agli esperti, ed è adatto anche ad acquari relativamente piccoli.

Caratteristiche fisiche del Cirrhitichthys falco

Il Cirrhitichthys falco o pesce falco nano o anche pesce ranocchia, fa parte della famiglia dei Cirrhitidae. Il suo corpo è globalmente bianco con strisce rossastre-arancioni sul viso e macchie e chiazze di colore simile che formano bande verticali lungo i fianchi. Le sue pinne dorsali e caudali posteriori sono a pois.

Nella forma, il Cirrhitichthys falco assomiglia vagamente a un pallone ovale e ha degli occhi molto sporgenti. Brevi filamenti simili a capelli (chiamati cirri) sono raggruppati sulla punta di ciascuna spina dorsale. Questi ciuffi potrebbero facilmente essere scambiati per polipi di corallo. Oltre alla colorazione a chiazze, servono a mimetizzare la specie tra gli invertebrati sulla barriera corallina. Il Cirrhitichthys falco è una piccola specie di pesce falco che raggiunge una lunghezza massima di 7 centimetri.

Abitudini del pesce falco in acquario

Cirrhitichthys falco - pesce falco

Per via della mancanza di vescica natatoria, il piccolo pesce falco si trova solitamente appollaiato sulle rocce e sul substrato (compresi anche gli invertebrati sessili), scattando da un punto all’altro della rocciata. Gli esemplari possono occasionalmente librarsi brevemente nella colonna d’acqua quando viene introdotto il cibo, ma non possono sostenere tale orientamento per molto tempo. Date le sue ridotte dimensioni e la sua natura di pesce da fondo, i Cirrhitichthys falco non richiedono un acquario particolarmente grande. Una vasca da 75 litri è più che sufficiente per ospitare questo curioso pesce. È quindi un pesce adatto anche ai nanoreef.

Un falco che vive sul fondo?

Ok, allora come fa una specie dal nuoto maldestro, che dimora sul fondo dell’acquario, ad acquisire il nome comune di “pesce falco“, che evoca immagini di potere dall’alto e dai movimenti regali ed aggraziati? Questo pseudonimo si basa sulla tendenza del pesce a posarsi su una roccia o su un corallo e piombare su qualunque preda in transito, come piccoli crostacei, che catturano il suo sguardo costante.

Attento, ti sta guardando!

Le possibili prede che non sfuggono allo sguardo del Cirrhitichthys falco non sono le uniche. In effetti, uno dei tratti più accattivanti di questa specie è il modo in cui sembra tenere d’occhio ogni avvenimento nel suo ambiente circostante, compresi i movimenti del suo custode acquariofilo fuori dall’acquario. Possedere un pesce falco può essere un po’ come avere uno di quei vecchi ritratti dipinti con gli occhi che ti seguono ovunque tu vada nella stanza.

Alimentazione del Cirrhitichthys falco

Cirrhitichthys falco - pesce falco tra le rocce

In natura, il Cirrhitichthys falco si nutre principalmente di crostacei molto piccoli. Quindi cibi come i mysis, frutti di mare tritati finemente e cibi commerciali per i pesci carnivori più piccoli saranno ben accettati in acquario. Quasi tutti gli esemplari inizieranno a nutrirsi immediatamente e impareranno ad accettare quasi tutto ciò che gli offrirai, inclusi pellet e cibi secchi in scaglie.

Compatibilità con altri pesci

Descriverei il Cirrhitichthys falco come moderatamente aggressivo. Non è il più grosso prepotente del mare, ma può tormentare i pesci più piccoli, più passivi, specialmente quelli introdotti dopo di lui. Altrimenti, qualsiasi pesce di dimensioni simili o di dimensioni maggiori e abbastanza assertivo da reggere il confronto sarà probabilmente ignorato.

Per quanto riguarda gli invertebrati sessili, il falco può essere considerato sicuro per la barriera corallina. È necessario però un avvertimento: se adotta un corallo come luogo prediletto che preferisce, il corallo può ritirare costantemente i suoi tessuti, che possono influire sulla sua salute nel lungo periodo. Per ridurre al minimo la probabilità che ciò si verifichi, è una buona idea includere diverse rocce nella struttura della barriera corallina che non hanno coralli attaccati. Non c’è garanzia certa che l’aggiunta di queste rocce alternative impedirà l’appollaiamento su qualche corallo, ma può certamente aiutare.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *