Zoanthus: il super corallo da acquario, con un lato oscuro


Zoanthus
Zoanthus

Gli Zoanthus a volte sono chiamati anche tappeti del mare, polipi a bottoni o anemoni coloniali. Lo Zoanthus (famiglia Zoanthidae) ha un posto nei cuori di tutti gli acquariofili marini. E con buona ragione. Sono generalmente abbastanza resistenti e robusti, abbastanza adattabili, e di solito tra i primi invertebrati utilizzati dai neofiti. Nonostante ciò, hanno il loro lato oscuro, e presto ti spiegherò perché.

Tratti fisici

I singoli polipi di zoanthus sono essenzialmente un disco ovale circondato da un anello di tentacoli sulla cima di un gambo. Il disco è solitamente di circa 1 centimetro di diametro, ma può essere molto più grande in alcune specie. I tentacoli e i gambi possono essere abbastanza variabili in lunghezza a seconda della specie. In alcuni zoanthus, i polipi sono solitari, ma la maggior parte dei che si trova in commercio sono coloniali.

Per quanto riguarda la colorazione, vanno da una sfumatura di colore marrone o beige fino a sfumature più accattivanti e combinazioni di quasi qualsiasi colore immaginabile. Più spesso, gli zoanthus sono venduti non sotto i nomi scientifici , ma con nomi commerciali puramente creativi che indicano i loro colori.

Illuminazione e circolazione

In natura, si sviluppano a diverse profondità, quindi è importante tenere presente che non tutti sono uguali in termini di necessità di illuminazione e circolazione dell’acqua. La maggior parte vivrà abbastanza bene dato i valori dell’acqua moderati che richiedono, ma se vuoi veramente che la tua colonia di zoanthus prosperi, cerca di metterlo nella miglior condizione possibile per farlo.

La crescita

Nelle giuste condizioni, le colonie di zoanthus crescono e prosperano rapidamente. Parlando di una crescita esplosiva, è verosimile che, a seconda delle condizioni adeguate, molte specie possono facilmente superare altri invertebrati sessili per lo spazio in acquario. Le colonie tendono ad espandersi in modo continuo e rapido verso l’esterno per incrostare qualsiasi substrato adiacente. Saranno anche distribuiti fino al vetro dell’acquario, se consentito. È una buona idea lasciare un piccolo spazio aperto, una sorta di cuscinetto, se vuoi, tra le colonie zoantide e le superfici adiacenti dove non vuoi che crescano (come le rocce che supportano i coralli vicini).

Zoanthus: bellezze tossiche

Torniamo al precedente riferimento dove ti dicevo che hanno un “lato oscuro”. Mi riferisco al fatto che molte specie zoanthidae (in particolare palythoa e specie strettamente correlate) contengono un muco e all’interno dei loro tessuti una potente neurotossina chiamata palitossina. Toccare uno zoanthus accidentalmente può far fuoriuscire questa tossina dalla bocca dell’invertebrato. Se hai una ferita nella mano può farti molto male o in alcuni casi ha provocato anche la morte.

zoanthus palythoa
Ecco lo Zoanthus palythoa: estremamente tossico

Adesso, non tutti gli zoanthus sono tossici, ma questi invertebrati, come ti dicevo prima, sono di solito venduti sotto nomi commerciali piuttosto che nomi scientifici, non c’è modo per l’hobbista medio di sapere di quale specie si tratta. Quindi, il corso più saggio è quello di trattare tutti gli zoantidi come se fossero tossici. Ciò significa che ogni volta che stai gestendo gli zoantidi o lavorando in un acquario che li contiene, devi:

  • Indossare guanti protettivi .
  • Evita di passarti le mani sulla bocca o strofinare gli occhi.
  • Lava le mani a fondo quando hai finito di lavorare.
  • Se sospetti l’avvelenamento della palitossina, rivolgiti immediatamente al medico.

Se hai un taglio, una crepa o abrasione nella mano o nel braccio, è meglio tenere le mani fuori dalla vasca fino a quando non guarisce. Inoltre, gli occhiali protettivi devono essere indossati in aggiunta ai guanti se si esegue un lavoro di propagazione con gli zoantidi al di fuori dell’acquario. Naturalmente, se si hanno bambini in casa che possono essere tentati di raggiungere l’acquario, gli zoantidi non sono una buona opzione.

Non spaventarti, ma stai attento

Questo avvertimento non è inteso a spaventarti dal mantenimento degli zoantidi. Ho tenuto diverse colonie per molti anni senza alcun problema. Ma, la minaccia di avvelenamento è molto reale e ci sono numerosi rapporti di acquariofili che imparano ciò sulla loro pelle. Quindi, stai attento e utilizza tutte le misure di protezione comuni quando lavori con queste bellezze…tossiche.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *