Valori ottimali acquario marino + BONUS TABELLA

Valori ottimali acquario marino: ecco tutti i valori che devi tenere sotto controllo per avere l'acqua del tuo acquario perfetta.


valori ottimali acquario marino
valori acqua dell’acquario marino

Valori ottimali acquario marino: la guida. È fondamentale tenere le tabulazioni su diversi aspetti chiave della chimica dell’acqua se si vuole avere successo con un acquario marino. Ciò significa che dovrai sviluppare l’abitudine di testare determinati parametri su base routinaria. Ma questo non significa che sia necessario avere una laurea in chimica o avere un laboratorio a tua disposizione: solo un po’ di tempo, la capacità di seguire semplici istruzioni e i kit di prova appropriati. 

Quali parametri dovrei testare per avere valori ottimali?

La prova di salinità specifica è trattata nella nostra “guida per miscelare l’acqua salata“, quindi non tratteremo l’argomento qui, ma questo è solo uno dei parametri che dovrai monitorare. Per un acquario marino, si dovrebbero anche controllare i livelli di ammoniaca, nitriti, nitrati, pH e alcalinità. (I sistemi nano Reef richiedono test aggiuntivi, che verranno trattati in un post futuro).

Come vengono eseguite le prove d’acqua?

Per misurare ognuno di questi parametri, sul mercato sono disponibili kit di prova di qualità e a prezzi modesti che richiedono semplicemente l’aggiunta di uno o più reagenti chimici liquidi per misurare campioni di acqua dell’acquario (in un solo passaggio o in più fasi). I reagenti chimici portano l’acqua a cambiare colore e quindi è possibile determinare il livello del composto da verificare confrontando il campione d’acqua con un corrispondente grafico colorimetrico o semplici cartine tornasole.

Per la misurazione del pH, hai anche la possibilità (potenzialmente più costosa ma spesso più accurata) di utilizzare un contatore digitale elettronico chiamato in gergo phametro. Alcuni di questi dispositivi sono costituiti da un misuratore e sonda separati e collegati da un filo, mentre altri incorporano entrambi gli elementi in uno strumento simile a una penna.

Valori ottimali acquario marino

Guardiamo allora un po’ più da vicino ciascuno di questi parametri acqua/chimica per capire perché dobbiamo testarli e come fare per avere valori ottimali nell’acquario marino:

Ammoniaca

L’ammoniaca viene prodotta attraverso la decomposizione della materia organica nei cibi non mangiati dal pesce, da animali morti, ecc.

L’ammoniaca è mortale per gli animali marini, anche in piccole concentrazioni. In un acquario ben avviato, i batteri “buoni” convertono immediatamente l’ammoniaca in composti meno dannosi. Il livello desiderato di ammoniaca in qualsiasi acquario contenente animali è 0.

La presenza di ammoniaca nel sistema indica una delle diverse possibilità:

  • L’acquario non è ben maturo per assicurare la filtrazione biologica prima che la popolazione animale venisse aggiunta.
  • Il filtro biologico in qualche modo è stato compromesso.
  • L’acquario è sovrappopolato fino al punto che il filtro biologico non può più tenere il passo con il livello di inquinanti disciolti.

Nitriti

I nitriti sono prodotti quando i batteri vanno a lavorare sull’ammoniaca. Anche questi sono mortali per la popolazione marina, ma leggermente meno dell’ammoniaca. La loro presenza può indicare che il ciclo non è stato completamente stabilito, che il biofiltro è stato compromesso o sopraffatto, che lo schiumatoio è sottodimensionato, che ci sono troppi pesci presenti in vasca, o una combinazione di questi fattori. Come per l’ammoniaca, il livello appropriato è 0.

Nitrati

I nitrati, prodotti quando un secondo tipo di batteri nitrificanti entra in azione e converte i nitriti, sono abbastanza ben tollerati dai pesci marini in concentrazioni basse. Per i sistemi a base di pesce, il livello di nitrati non deve superare i 30 mg/litro. I coralli ed altri invertebrati sessili sono molto più sensibili al nitrato, per cui l’obiettivo per i sistemi di barriera è quello di mantenere il livello di questo composto più vicino possibile allo 0. Cambi parziali regolari dell’acqua sono il metodo più affidabile per controllare il livello di nitrati.

pH

Il pH dell’acqua del tuo acquario è una misura della concentrazione di ioni idrogenati, utilizzando una scala logaritmica che va da 0 a 14. Nella scala pH, 7 è neutro, le letture più elevate sono più basiche (talvolta chiamate più “alcaline”), E le letture più basse sono più acide. L’intervallo di pH appropriato per la popolazione marina è compresa tra 8.2 e 8.4.

Un leggero calo notturno del pH è normale nei sistemi d’acquario, per ottenere risultati più accurati, assicurati di testare questo parametro ogni giorno nella stessa fascia oraria.

Alcalinità

Anche se il termine “alcalina” è talvolta usato intercambiabilmente con “basico” quando si discute del pH, ha effettivamente un significato diverso. L’alcalinità si riferisce alla capacità dell’acquario di resistere ad una tendenza al ribasso del pH quando viene introdotto un acido. Puoi realmente avere acqua che ha un pH relativamente elevato, ma bassa alcalinità, il che significa che il pH è instabile e soggetto a cadere sotto il limite rapidamente quando è presente un acido.

I kit di prova di alcalinità misurano carbonati e bicarbonati, che funzionano come stabilizzatori di pH, in modo da vedere anche l’alcalinità descritta come “durezza“. Il Kh o durezza carbonica, indica appunto il livello di carbonati ed è espressa in gradi tedeschi e deve andare dagli 8° ai 12°.

Calcio

Il valore ottimale del calcio è di 400/450 mg/litro ed è molto importante per il sostentamento dei coralli. Puoi integrare con calcio in polvere o con il reattore di calcio.

Fosfati

Devi cercare di mantenere i fosfati molto bassi, possibilmente inferiori ai 0,2 mg/litro. Una concentrazione superiore potrebbe portare alla proliferazione dei tanto odiati cianobatteri.

Quante volte dovresti testare i valori dell’acqua del tuo acquario?

Se la chimica dell’acqua comincia a scoraggiarti, è fondamentale prendere e risolvere il problema il più rapidamente possibile, quindi consigliamo di testare ciascuno di questi parametri una volta alla settimana – specialmente se sei neofita e non hai ancora sviluppato una routine a questo lavoro (importantissimo). Naturalmente, dovrai fare test più frequenti quando hai un problema alla tua vasca.

Inoltre, tieni presente che i kit di prova tendono a perdere efficacia nel tempo. Se si inizia a ottenere letture troppo irregolari, la prima cosa da verificare è la data di scadenza del prodotto. Per garantire il massimo livello di precisione da un monitor pH elettronico, assicurarsi di pulirlo e calibrarlo come raccomandato dal produttore.

valori acquario marino
I principali valori ottimali acquario marino che deve avere l’acquario marino

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *