Spugne marine: allevamento dei poriferi in acquario

Maxi guida su anatomia, biodiversità e cura sull’allevamento delle spugne marine in acquario. Scopriamo tutto ciò che c’è da sapere su questi animali.


spugne marine

La seguente guida contiene informazioni su anatomia, biodiversità, cura e altre informazioni importanti sull’allevamento delle spugne marine in acquario. Poco conosciute e a volte temute. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su questi particolari animali.Purtroppo, le spugne marine non sono semplici e i punti più delicati per mantenere questi poriferi non sono così noti come dovrebbero essere. Leggendo i seguenti paragrafi sull’anatomia e la biodiversità della spugna si otterrà una migliore comprensione e si eviterà di confondersi con parole come “spicole” che saranno utilizzate più avanti nella guida. Spero che questa piccola guida aiuti futuri proprietari di spugne a fornire loro le cure ottimali, evitare le specie fastidiose e magari anche imparare qualcosa di nuovo!

Anatomia delle spugne marine

Tutte le spugne del mare hanno alcune caratteristiche comuni. Per differenziare le specie, gli scienziati esaminano le spicole delle spugne, ovvero lo scheletro. Sebbene alcune spugne abbiano forme precise, la maggior parte ha forme ambigue che rendono praticamente impossibile identificare le singole specie senza un microscopio. Le dimensioni delle spicole variano da circa 0,01 a 6 mm di lunghezza. Sono secreti dalla spugna mentre la spugna cresce. Le spugne non hanno teste, non hanno organi interni e non hanno arti. Tutte le spugne hanno due tipi di aperture. I primi sono piccoli pori detti “ostio” che consentono all’acqua di entrare nel corpo. Il secondo tipo di apertura è noto come “osculo”, che consente all’acqua di uscire dall’organismo.

Porifera_anatomia

Struttura macroscopica dei Poriferi. A. tipo ascon B. tipo sycon C. tipo leucon pinacociti coanociti 1=spongocele 2=osculo 5=pori 6=canali inalanti.

 

Alcune spugne hanno canali per il trasporto dell’acqua. I canali e le altre aperture nella spugna portano a molte camere più piccole nella spugna. Le camere sono rivestite da coanociti, che intrappolano le particelle di cibo. Le cellule del colletto hanno anche un flagello che si muove intorno creando correnti che muovono l’acqua attraverso la spugna. Le spugne hanno diversi altri tipi di cellule, incluse quelle che fluiscono liberamente nell’organismo per favorire la crescita, la rigenerazione e la riproduzione. Come descritto, le spugne sono coperte da minuscoli pori che assorbono acqua. Quando esposti all’aria, gli atrii (canali e pori) nella spugna intrappolano bolle d’aria all’interno dell’organismo. In natura, le spugne non sono mai esposte all’aria e quindi non hanno sviluppato un meccanismo per forzare l’uscita dell’aria. Per questo motivo, le spugne esposte all’aria di solito presentano un discreto grado di necrosi.

Spugne marine come forme diverse di vita

Ora, esaminiamo brevemente la tassonomia delle spugne marine. Le spugne furono tra i primi animali ad apparire sulla Terra oltre 500 milioni di anni fa, evolvendosi in oltre 5.000 specie diverse, la cui gamma comprende alcuni ambienti freschi e quasi tutti marini, dalle barriere coralline tropicali ai mari antartici. Originariamente classificate come piante, le spugne sono ora riconosciute nel regno Animalia, phylum Porifera. Gli zoologi hanno diviso le spugne in 4 classi diverse basate principalmente sulla struttura. Le spugne della classe Calcarea hanno scheletri di pietra calcarea e si trovano in molti ambienti diversi. Le spugne appartenenti alla classe Hexactinellida sono per lo più scheletri marini più profondi con uno scheletro a base di silice e sono quindi raramente importate per l’uso in acquario. Questa classe di spugne può anche essere conosciuta come spugne di vetro.

La prossima classe, Sclerospongiae, è composta da spugne che si trovano per lo più nelle caverne sottomarine con uno scheletro a base di silice-spongina e uno spesso strato di calcare. Grazie alla loro struttura e all’ambiente unico, la raccolta e la cura di queste spugne è estremamente difficile e, di conseguenza, queste spugne sono giustamente disponibili per gli acquariofili. Infine, c’è la classe Demospongiae, la classe di spugne più conosciuta. Questa classe include spugne marine ben note. I membri di questa classe possono avere scheletri fatti di spongina o di silice, o entrambi. Tuttavia, per il tempo, mi concentrerò principalmente sulle spugne della classe Calcarea e Demospongiae.

Classe Calcarea (Calcisponge o Spugne calcaree)

Le spugne marine appartenenti alla classe Calcarea sono meglio conosciute come spugne incrostanti. Queste spugne si presentano in molte forme; i colori vanno dal bianco, al marrone, al giallo, arancio, rosa e verde/blu. La spugna calcarea più comune è la spugna tubulare calcarea (siconoidi). Di rado superiore a 2 centimetri, questa spugna può prosperare in acquari di tutte le dimensioni purché sia ​​reperibile cibo in sospensione nella colonna d’acqua. Un altra buona spugna per l’acquario è la specie Clathria. Questa spugna incrostante si trova dal Mar dei Caraibi al Pacifico, con colori che vanno dai pastelli al bianco.

Spugne calcaree

Come accennato in precedenza, l’identificazione esatta delle specie di spugne è quasi impossibile senza esaminare la struttura scheletrica microscopica dell’esemplare. Queste spugne richiedono un flusso moderato e indiretto e una fornitura costante di particelle di cibo sospese. È meglio tenerle fuori dalla luce diretta, in quanto potresti scatenare un’eccessiva proliferazione di alghe o batteri. Le larve di spugna possono essere sulla tua roccia viva quando la compri, quindi assicurati di tenere tutta la roccia completamente immersa per assicurare una successiva crescita della spugna.

Mai, mai e poi mai toccare le spugne con le mani e mai esporre una spugna all’aria!

Classe Demospongiae (Demosponge o Spugne silicee)

spugne marine silicee

Tenere le Demosponge è un po’ come giocare con il fuoco. Spesso disponibili nei negozi o su internet, le Demosponge possono avere una bella struttura simile a un dito, una struttura incrostante o strutture a coppa uniche, per citarne alcuni. Le Demosponge sono belle, colorate, fragili e, per un acquariofilo non esperto nella cura di Poriferi, una possibile bomba a tempo. Tuttavia, con la fortuna e la cura adeguata, le Spugne silicee possono creare uno spettacolo mozzafiato sulla barriera corallina. I più comuni esemplari disponibili per gli appassionati di invertebrati marini sono elencati di seguito, insieme a una breve descrizione di cura e compatibilità.

Spugne a dita blu (Haliclona spp.; nativa dell’Indo-Pacifico)

Haliclona spp.

Una delle spugne più belle e interessanti dei mari. Le proiezioni delle dita di questa spugna possono raggiungere altezze di 30 centimetri. L’Haliclona preferisce una corrente più veloce. Come tutte le spugne, fa affidamento sul filtraggio delle particelle di cibo nella colonna d’acqua, ma a differenza di molte altre spugne, contiene potenti tossine che gli consentono un’immunità relativa dalla proliferazione delle alghe. A causa della forza di queste tossine, non consiglierei questo tipo di spugna per l’acquario.

Spugna albero (Amphimedon spp., Ptilocaulis spp., Originaria dei Caraibi/Indo-Pacifico)

Amphimedon_compressa_(Erect_Rope_Sponge-_red).jpg

Un altro bellissimo esemplare. Cresce fino a 45 centimetri, questa spugna predilige l’illuminazione soffusa che riproduce il suo ambiente naturale: acque tropicali più profonde. L’illuminazione potrebbe addirittura danneggiare alcune specie! Un’altra spugna super sensibile al flusso: favorire un flusso costante ma diffuso è l’unico modo per evitare che si sciolga letteralmente. A causa della capacità apparentemente inesistente della specie di prevenire la contaminazione algale, bassi tassi di sopravvivenza e potenti tossine, questo tipo di spugna è scarsamente adatto alla cattività.

Spugna arancione (Clathria spp.; originaria dei Caraibi e dell’Indo-Pacifico)

Clathria

In natura, queste spugne crescono proiettando lateralmente da pareti rocciose verticali, con diametri che si avvicinano a 1 metro! Di conseguenza, nell’acquario dovrebbe essere costruita una falsa scogliera e il flusso dovrebbe essere laminare lungo la falesia. Le scosse e altri flussi oscillanti danneggeranno questo delicato Porifero; così come la luce intensa. Tuttavia, a meno che l’acquariofilo non sia disposto a fornire tali condizioni specializzate, questa spugna morirà di solito in cattività, rilasciando potenti tossine nell’acqua.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *