Scheda Puntius Titteya: Barbus Ciliegia


barbus
barbus

In questa scheda parleremo del Puntius Titteya o più comunemente chiamato Barbus ciliegia è un pesce della famiglia dei ciprinidi, originario dell’Asia Meridionale

Descrizione del Puntius Titteya

Il barbus ciliegia (puntius titteya) è un piccolo pesce d’acquario molto comune nell’hobby dell’acquariofilia da quasi un secolo. Originariamente presente in Sri Lanka, da allora è stato introdotto in numerosi paesi, con popolazioni significative che si trovano in Messico e in Colombia. In natura i barbi ciliegia abitano principalmente ruscelli e piccoli ruscelli d’acqua. Preferisce una corrente d’acqua lenta e calma, e di solito si trova in zone ombreggiate con vegetazione sovrastante. Il barbo ciliegia è un pesce incredibilmente resistente e cresce fino ad un massimo di 5 cm nell’acquario domestico, rendendolo un ottimo pesce per neofiti. I maschi possono essere identificati dalla loro colorazione rossa scura, che si accentua significativamente durante l’accoppiamento. Il maschio dominante in vasca, avrà sempre il colore più scuro ed è anche facile da identificare dal suo comportamento aggressivo verso gli altri barbus in acquario.

Barbus Ciliegia in acquario

Per farli prosperare veramente, dovrebbero essere alloggiati in un acquario di almeno 80 litri. Gli acquari più grandi permettono parametri più stabili dell’acqua e daranno pesci molto più sani nel lungo periodo.
È importante ricordare che il barbus ciliegia è un pesce da branco e deve essere allevato in gruppi di almeno 5, preferibilmente in gruppi anche più grandi se lo spazio lo permette. Se vengono tenuti in gruppi con meno di 5 pesci, spesso diventano stressati e trascorreranno la maggior parte del loro tempo a nascondersi.

Per farli sentire più a proprio agio, gli acquari con i Puntius Titteya dovrebbero essere sempre ben piantumati. Ciò aiuterà a imitare il loro ambiente naturale. Le piante creano in tutto l’acquario zone d’ombra e forniscono un substrato che assomiglia a quello del loro habitat naturale. Quando si allestisce l’acquario, una piccola area deve essere sempre abbastanza aperta per consentire un’ampia zona di nuoto. Quando si sceglie un filtro per i barbus ciliegia, è fondamentale sceglierne uno che abbia una portata bassa o regolabile.
I suoi valori ideali in vasca sono: temperatura compresa tra i 24 ed i 27 gradi, ph compreso tra 6,3 e 7,8 e una durezza compresa tra 5 e 19 Gdh.

Alimentazione del Puntius Titteya

I barbus sono onnivori in natura e mangiano piccoli crostacei, insetti e alghe. A causa della loro ampia e variegata dieta, accetteranno quasi tutti i cibi nell’acquario domestico. Dovrebbero essere alimentati ogni giorno con cibi di alta qualità, e la loro dieta può essere integrata con alimenti vivi o congelati e verdura occasionale. I cibi di cui sono più ghiotti sono la daphnia e i gamberetti. Possono, anche se molto raramente, essere nutriti di vermi, che hanno un contenuto di grassi molto elevato e sono sani solo se gli vengono proposti una volta ogni settimana o dieci giorni, altrimenti risultano troppo pesanti.
Anche la verdura è gradita nella loro dieta: possono mangiare zucchine, cetrioli e piselli che puoi somministrare anche da congelati. Una cosa importante da ricordare è che tutte le verdure non mangiate dovrebbero essere rimosse dopo 24 ore per evitare di contaminare l’acqua.

Riproduzione dei Barbus ciliegia

La riproduzione dei barbi ciliegia è relativamente facile. La prima cosa che bisogna fare è riconoscere il sesso. I maschi sono facili da individuare, perché hanno una colorazione rossa scura. Una volta che i maschi sono stati identificati, dovrebbero essere rimossi dalla vasca e posizionati in una vasca tipo sala parto, all’interno di quello principale tenendo ancora le femmine. Se hai un acquario grande, puoi mettere direttamente un divisore nel tuo acquario, con i maschi da una parte e le femmine dall’altra.

Durante il periodo di separazione, i maschi e le femmine devono essere cibati con alimenti di alta qualità (i cibi vivi sono i migliori, ma possono anche essere utilizzati alimenti surgelati). Dopo circa una settimana di alimentazione con alimenti vivi somministrati ogni giorno, le femmine dovrebbero essere notevolmente ingrassate, e il rosso dei maschi diventerà ulteriormente più scuro. Dopo che questo “condizionamento” si è completato, i maschi devono essere reinseriti con le femmine. Questo genera una sorta di desiderio sui maschi che cominceranno a inseguire le femmine. Le femmine risponderanno spargendo le loro uova attraverso il substrato e le piante mentre il maschio feconderà l’acqua intorno.

Cura degli avannotti

Dopo che l’accoppiamento è terminato, sia i maschi sia le femmine devono essere immediatamente rimossi dall’acquario, poiché non esiteranno a trasformare le uova in spuntini. È possibile aumentare il numero di uova che sopravvivono usando un substrato composto da rocce fluviali. Questo crea spazi per far cadere le uova e la maggior parte rimarrà fuori dalla portata dei genitori affamati. Le uova di solito si schiudono in 24-48 ore, e gli avannotti si aggrapperanno al lato dell’acquario e sulle piante per alcuni giorni. Dopo circa 3 giorni, inizieranno a nuotare e dovrebbero essere alimentati con cibo a scaglie sminuzzato e cibo apposito per avannotti che trovi regolarmente in commercio.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *