Pseudochromis paccagnellae: una piccola peste adatta a nano reef

Lo Pseudochromis paccagnellae (o Pictichromis paccagnellae) è una specie marina visivamente sorprendente a cui vanno aggiunti i vantaggi di essere molto resistente, facile da alimentare e adatto per acquari relativamente piccoli.


Pseudochromis paccagnellae o Pictichromis paccagnellae

Lo Pseudochromis paccagnellae (o Pictichromis paccagnellae) è una specie marina visivamente sorprendente a cui vanno aggiunti i vantaggi di essere molto resistente, facile da alimentare e adatto per acquari relativamente piccoli.

Di contro, invece, la una natura altamente territoriale e aggressiva di queste specie del Pacifico occidentale annulla i pregi precedentemente elencati in quanto può rivelarsi un pesce davvero problematico a seconda dei compagni di vasca scelti e di altre circostanze. Tuttavia, il Pictichromis paccagnellae può essere un buon pesce per l’acquario, purché tu stia attento a trovare precauzioni adeguate alla sua natura bellicosa.

Tratti fisici

Il corpo del Pictichromis paccagnellae è snello e allungato. Dal punto di vista del colore, è viola dal muso alla metà del corpo e giallo brillante dalla metà del corpo alla coda. Le iridi degli occhi sono viola, e le pupille sono a forma di pera. La dimensione massima di questa specie è vicina agli 8 centimetri.

Alimentazione

Lo Pseudochromis paccagnellae è carnivoro e gli esemplari in cattività accetteranno prontamente un’ampia varietà di piccoli cibi carnosi, come mysis, plancton, artemia salina, mollusco tritato o crostacei e cibi congelati. Verranno accettati anche cibi secchi. Una singola razione giornaliera sarà sufficiente.

Acquario ideale per lo Pseudochromis paccagnellae

A causa delle dimensioni ridotte e della tendenza a rimanere in prossimità del suo nascondiglio preferito, lo Pseudochromis paccagnellae non richiede molto spazio per nuotare. Quindi, può essere una buona scelta per nanoreef, nel range da 70/100 litri. Tieni presente, tuttavia, che a seconda degli acquari, potrebbe essere necessario un sistema più ampio per evitare gravi problemi territoriali. L’acquario dovrebbe essere ben coperto per evitare che salti di fuori e la rocciata dovrebbe essere predisposta per fornire molti nascondigli e anfratti.

Compatibilità

Il punto cruciale del problema di compatibilità con lo Pseudochromis paccagnellae non è solo il fatto che la specie sia territorialmente aggressiva, ma anche che ogni individuo rivendichi un territorio piuttosto considerevole – ben oltre la dimensione della maggior parte degli acquari domestici – per se stesso. Pertanto, mantenere conspecifici, eterospecifici dall’aspetto simile o specie tipicamente timide nella stessa vasca è generalmente sconsigliato.

Nella scelta dei compagni di vasca, devi muoverti su una linea sottile. Devono essere abbastanza grossi e assertivi per scrollarsi di dosso lo Pseudochromis (questa specie è rinomata per litigare con pesci molto più grandi di lui), ma che allo stesso tempo non sia incline a farne un pasto. Inoltre, assicurati di introdurre lo Pseudochromis sempre per ultimo.

Per quanto riguarda la sicurezza dei coralli, lo Pseudochromis paccagnellae è molto tranquillo, anche se mangerà piccoli crostacei. Quindi assicurati di tenerne conto se il tuo acquario contiene (o conterrà) piccoli gamberetti marini.

Conclusioni

A mio parere, uno dei modi migliori per mantenere e godere di uno Pseudochromis paccagnellae è in veste di inquilino solitario in un nanoreef. In questo modo non dovrai preoccuparti della compatibilità con altri pesci. Oppure optare per il somigliante, ma estremamente più pacifico Gramma Loreto.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *