Pesci chirurgo: tutto quello che devi sapere sui surgeonfish

Alcuni dei pesci più popolari nell’acquario marino sono i pesci chirurgo, della Famiglia Acanthuridae. Comunemente conosciuti anche come surgeonfish, hanno personalità uniche e contribuiranno anche a mantenere pulito il tuo acquario. Acanthurus, Ctenochaetus, Naso, Paracanthurus e Zebrasoma: scoprili tutti


Pesci chirurgo

Alcuni dei pesci più popolari nell’acquario marino sono i pesci chirurgo, della Famiglia Acanthuridae. Comunemente conosciuti anche come surgeonfish, sono molto attraenti, hanno personalità uniche e contribuiranno anche a mantenere pulito il tuo acquario. 

Tuttavia, in fatto di robustezza, spesso sono delicati, alcuni possono essere piuttosto aggressivi, e altri diventano troppo grandi per la maggior parte degli acquari domestici. Quindi, è importante conoscere tutte le specie di pesci chirurgo prima di acquistarli per il proprio acquario marino. In questa guida li andremo a vedere tutti in forma introduttiva, dando le informazioni principali che potrai approfondire nelle schede dedicate ad ogni singolo pesce. Tutto ciò per aiutarti a semplificare le cose, se stai pensando di acquistarne uno.

Informazioni generali

I Surgeonfish o pesci chirurgo, sono bellissimi e, per la maggior parte, molto colorati. Tuttavia, molti chirurghi si distinguono dagli altri pesci a causa della loro personalità. Potrebbero essere paragonati ai cani che si eccitano nel vedere i loro padroni umani tornare a casa. Molti pesci chirurgo sono infatti i primi pesci a presentarsi sul vetro anteriore quando entri nella stanza, anche quando molti altri pesci sembrano ignari della tua presenza.

I pesci chirurgo spesso cambiano i colori in una certa misura e possono diventare molto più chiari o più scuri a volte. È abbastanza comune per loro schiarirsi considerevolmente di notte su tutto il corpo, ma anche durante il giorno gli individui di alcune specie possono sembrare molto diversi.

Habitat dei pesci chirurgo

pesci chirurgo habitat

I pesci chirurgo si trovano in tutti i mari tropicali del mondo, ad eccezione del Mediterraneo. La maggior parte di essi si trova in acque relativamente poco profonde, soprattutto dove l’acqua è limpida e la roccia, le macerie o i coralli sono esposti a una buona quantità di luce solare che fornisce una buona crescita di alghe. Le acque costiere, i porti e persino gli estuari, sono aree privilegiate per questi pesci. Molti di questi pesci chirurgo sono abbastanza piccoli per un acquario domestico. Molti di questi pesci chirurgo diventano molto grandi, con alcune specie che raggiungono quasi i 100 cm. Questi pesci più grandi non sono adatti per un acquario domestico, ma saranno spesso presenti negli acquari pubblici. Il chirurgo di solito vive in grandi branchi o in coppia. Di notte dormono in piccole caverne o fessure nella barriera corallina.

Il nome del pesce chirurgo

Il nome ‘pesce chirurgo’ deriva dalle strutture a forma di bisturi che si trovano vicino alla coda. Ce ne sono uno o due su ciascun lato della coda, sebbene siano molto più piccoli su alcune specie rispetto ad altri. Alcuni possono anche piegarsi a filo con il corpo, come piccoli coltelli a serramanico, mentre altri sono in una posizione fissa. Quando sono infastiditi, piuttosto che mordersi, due chirurghi si trafiggono a vicenda ripetutamente con la coda e con il loro piccolo bisturi. Possono attaccarsi / tagliarsi a vicenda, ma il danno è generalmente leggero e non pericoloso per la vita. I chirurghi sono anche sicuri per gli invertebrati.

bisturi del pesce chirurgo

A livello di gruppo, in lingua inglese, sono conosciuti come Surgeonfish (pesci chirurgo appunto) e Saltwater Tangs. Il nome ‘surgeonfish‘ deriva dalle loro spine simili a bisturi, come descritto sopra. Il nome “tang” deriva dalla parola tedesca “Seetang” che significa “alga marina” e si riferisce alle loro abitudini alimentari. Ma diversi gruppi all’interno di questa famiglia sono noti anche come Unicornfish, Sailfin Tangs e Bristletooth Tangs.

Gli “unicornfish” sono i chirurghi del genere Naso. Sono chiamati Unicornfish perché alcune specie hanno una proiezione a forma di corno sulla fronte. Il termine “sailfin tang” si una per i chirurghi del genere zebrasoma e sta a denotare la forma a vela delle pinne. Il genere Ctenochaetus viene spesso definito come “bristletooth”, per via dei suoi denti setolosi.

Alimentazione

Un pesce chirurgo potrebbe infastidire le tridacne, mangiucchiando il tessuto carnoso del mantello, potendo ben presto ucciderla stressandola troppo. Se un pesce è persistente, questo può effettivamente portare alla riduzione della salute della vongola o alla morte.

In secondo luogo, quando sottoalimentati, i pesci chirurgo possono iniziare a stroncare i coralli duri di grandi dimensioni. Se stai sotto alimentando i tuoi pesci e iniziano ad interessarsi troppo ai coralli, allora è colpa tua. Certamente non considererei questo comportamento “normale” per nessun pesce chirurgo. Parlando di alimentazione, i chirurghi amano mangiare, quindi dai loro da mangiare cibi appropriati e fallo spesso durante la giornata. Sono tutti erbivori e mangeranno una varietà di alimenti a base vegetale, ma la maggior parte di essi imparerà anche a mangiare altro. Diverse specie, e persino individui, hanno comunque diete variabili, e alcuni mangeranno cose che gli altri non guarderebbero.

Una dieta varia con cibi come alghe nori, Spirulina o cibo in scaglie di qualità, è ideale per mantenere sazi ed in salute i tuoi amici pinnuti. Naturalmente, i pesci chirurgo, troveranno anche il cibo per sé nella maggior parte degli acquari ben maturi, mentre pascoleranno tra le rocce raccogliendo ciò che cresce lì. Pertanto, dovresti dar loro da mangiare ogni giorno almeno e due o tre volte al giorno, se possibile. In natura attingono tutto il giorno a mordicchiare qua e là, così come avviene con la maggior parte dei pesci erbivori.

La maggior parte mangerà anche lattuga, spinaci, broccoli e altre verdure. Tuttavia, anche se mangiano questi cibi non proprio marini, i loro valori nutrizionali sono discutibili. Questo è particolarmente vero per la lattuga romana, che è molto usata per nutrirli. Il fatto è che la lattuga non è ottima per quanto riguarda il giusto apporto dei valori nutrizionali. Quindi i tuoi pesci possono mangiarla e rimangiarla, senza trarne gli opportuni benefici. Probabilmente è molto meglio non somministrare questi cibi, o, al limite, usarla come parte di una dieta mista. Anche le altre verdure dovrebbero far parte di una dieta mista. Inoltre, quasi senza eccezioni, i pesci chirurgo diventeranno onnivori e mangeranno gamberetti, copepodi, pezzetti di vongole tritate e anche altri tipi di cose carnose, ma ricorda, è un pesce erbivoro, quindi devi nutrirlo con cibi adeguati.

Comportamento e compatibilità

I surgeofish sono al sicuro con gli invertebrati e la maggior parte (ma non tutti) andrà d’accordo anche con altri tipi di pesci da barriera corallina. Tuttavia, cercare di mantenere due o tre chirurghi della stessa specie in un acquario, di solito causa non pochi problemi. Spesso è possibile tenere insieme due chirurghi di generi diversi, come uno Zebrasoma e un Ctenochaetus, ma anche questo potrebbe non funzionare. Ciò, è particolarmente vero se non vengono aggiunti nello stesso tempo e / o sono di dimensioni diverse.

incompatibilità tra pesci

Se vuoi averne più di uno, il mio consiglio è di scegliere esemplari che non sembrano molto simili (e se possibile appartenere a generi diversi), che hanno all’incirca le stesse dimensioni e di aggiungerli contemporaneamente in un acquario con molto spazio.

A volte, ci sono però alcuni chirurghi che possono inseguire, mordere, attaccare e, pestare altri pesci, e nessuna quantità di cibo e / o spazio li fermerà. Questo tipo di comportamento è visto in alcune specie più di altre, ma ti assicuro che anche le specie più calme possono includere un bullo occasionale che decide di mettere in riga tutti gli altri presenti in vasca.

Si noti che questo tipo di comportamento può ovviamente essere messo in risalto quando si mescolano i pesci sbagliati insieme, ma sfortunatamente può verificarsi anche quando si è fatto tutto correttamente e si sono fatte scelte accurate. Non direi che un’aggressione eccessiva è comune, ma non direi che sia nemmeno così raro.

Salute dei pesci chirurgo

Molti dei pesci chirurgo possono essere dei robusti abitanti dell’acquario in un ambiente adeguato e ben mantenuto. Le singole specie di pesci chirurgo variano in qualche modo nelle loro esigenze di cura e resistenza, ma la maggior parte ha bisogno di grandi quantità di alghe e altri materiali vegetali. Hanno anche bisogno di un acquario di grandi dimensioni con adeguati nascondigli, ma che ha anche molto spazio aperto con una corrente vivace e acqua ben ossigenata.

pesce chirurgo malato

La qualità dell’acqua deve essere incontaminata e stabile. Anche se un chirurgo può essere abbastanza resistente, sono molto inclini a malattie della pelle, come ictio e Cryptocaryon irritans. Essi soccomberanno rapidamente alla malattia in un ambiente non ottimale. In genere in una vasca con dei problemi, sono i primi ad ammalarsi. Proprio per questo, è fondamentale dedicare ad ogni pesce chirurgo che acquisterai, un buon periodo di quarantena, per abituarlo ai cibi e per tenerlo meglio sotto controllo. Per la quarantena abbiamo scritto una guida che ti seguirà passo passo.

Ecco la guida sulla vasca di quarentena

A causa delle loro spine simili a bisturi, devi stare molto attento quando maneggi questi pesci per evitare un taglio doloroso. Un taglio da queste spine può causare scolorimento e gonfiore della pelle con un alto rischio di infezione. Il dolore dura per ore.

Specie di Surgeonfish

I pesci chirurgo fanno parte della famiglia Acanthuridae che comprende 6 generi e circa 82 specie. La maggior parte delle specie ha una lunghezza che va dai 15 ai 40 cm, ma alcune specie nei generi Acanthurus, Prionurus e Naso possono superare tali standard. Uno dei più grandi di questa famiglia è il Naso annulatus, che raggiunge 100 cm di lunghezza. Le spine sulla pinna caudale sono le caratteristiche distintive che gli Ittiologi usano per collocare ciascun membro nella propria sottofamiglia e tribù appropriata.

Classificazione della famiglia Acanthuridae

Nell’attuale schema di classificazione questa famiglia è divisa in due sottofamiglie: la sottofamiglia Acanthurinae, che è divisa in tre tribù, e la sottofamiglia Nasinae.

Sottofamiglia Acanthurinae

La sottofamiglia Acanthurinae è composta da tre tribù che contengono 62 specie in cinque generi: Acanthurus, Ctenochaetus, Paracanthurus, Zebrasoma e Prionurus.

Le specie delle due tribù, Zebrasomini e Acanthurini, hanno un unico dorso caudale che si piega sul lato del peduncolo caudale. Sono molto popolari e molti sono colorati. Molti avranno anche un brillante contrasto di colore che delinea la loro colonna vertebrale, che funge da colorazione di avvertimento.

Questi pesci useranno le loro spine quando si sentono minacciati o in pericolo. Stendono le pinne e poi si lanciano in avanti, frustando la coda contro l’aggressore.

La terza tribù è quella dei Prionurini. Questo gruppo di pesci, precedentemente nella loro sottofamiglia Prionurinae, è composto da un singolo genere, Prionurus. Questi pesci hanno da tre a sei lame fisse su ciascun lato del peduncolo. Studi approfonditi su due generi hanno scoperto che sia le spine che i loro tessuti circostanti sono velenosi.

  • Tribù Acanthurini

    • Genere Acanthurus

Acanthurus achilles

Acanthurus achilles

 

Acanthurus è il genere della famiglia Acanthuridae. Ci sono attualmente 38 specie riconosciute in questo genere. La maggior parte delle specie si trova negli oceani indo-pacifici, ma ci sono anche alcune specie trovate nell’Oceano Atlantico.

    • Genere Ctenochaetus

Ctenochaetus strigosus adulto

Ctenochaetus strigosus adulto

 

Il genere Ctenochaetus è spesso definito come “Bristletooth“. Ci sono attualmente 9 specie riconosciute in questo genere. Si trovano nell’Oceano Indiano, nell’Indo-Pacifico e nell’Oceano Pacifico.

  • Tribù Zebrasomini

    • Genere Paracanthurus
paracanthurus hepatus
paracanthurus hepatus

Il genere Paracanthurus contiene solo una singola specie, il famosissimo Paracanthurus hepatus. Si trovano nell’Indo-Pacifico.

    • Genere Zebrasoma

Zebrasoma xanthurum

Zebrasoma xanthurum

Il genere Zebrasoma si trova negli Oceani Indiano e Pacifico. Ci sono attualmente 7 specie riconosciute in questo genere. Hanno corpi a forma di disco e pinne a forma di vela.

  • Tribù Prionurini

    • Genere Prionurus

Prionurus biafraensis

Prionurus biafraensis

Il genere Prionurus contiene attualmente 7 specie riconosciute. Si verificano nell’Atlantico e nell’Oceano Pacifico, così come in Indonesia.Questi pesci useranno le loro spine quando si sentono minacciati o in pericolo. Estendono le pinne e poi si lanciano in avanti, frustando la coda contro l’aggressore.

Sottofamiglia Nasinae

Questi pesci hanno una o due lame fisse su ciascun lato del peduncolo caudale. La sottofamiglia Nasinae contiene solo un singolo genere, Naso.

  • Genere Naso

naso pesce chirurgo

I Naso sono chiamati anche pesci unicorno (Unicornfish) perché alcune specie hanno una proiezione a forma di corno sulla fronte. Questo genere ha una vasta distribuzione nell’Indo-Pacifico dall’Africa alle Hawaii e attualmente ha 20 specie riconosciute.

Pesci chirurgo per acquario

I pesci chirurgo sono pesci curiosi, attivi e molto simpatici. Vanno d’accordo con una grande varietà di altri pesci. Sono anche voraci mangiatori di alghe, rendendoli candidati eccellenti per un ambiente di barriera corallina.

Molti dei pesci chirurgo relativamente piccoli sono anche tra i più resistenti. Esistono cinque generi principali di pesci chirurgo per acquario. Il genere Prionurus è l’unico dei sei che è raramente disponibile per gli acquari domestici.

  • Acanthurus – Il genere Acanthurus è attualmente composto da 38 specie conosciute, quasi la metà dell’intera specie Surgeonfish. Questo genere ha il maggior numero di specie di tutti e sei i generi nella famiglia Acanthuridae, e si trovano in tutti e tre gli oceani.
  • Ctenochaetus – Il genere Ctenochaetus consiste in 9 specie. Sono spesso indicati come “Bristletooth“. Hanno denti composti da diverse file di piccoli pettini flessibili (fino a 30 denti) e una bocca sporgente. Questi denti sono adatti per sollevare e setacciare vari tipi di alghe e materiale detritico da rocce, sabbia e altre superfici e quindi usano la bocca per aspirare il cibo. Nell’acquario vedrete spesso piccoli segni delle loro labbra sul vetro in cui si trovavano le alghe da questo comportamento alimentare. A differenza della maggior parte degli altri chirurghi della famiglia Acanthuridae che possiedono 9 spine dorsali, i Ctenochaetus hanno solo 8 spine dorsali (la prima è molto piccola). Le specie più popolari e disponibili in questo genere sono il Ctenochaetus strigosus dagli occhi gialli e il Ctenochaetus hawaiiensis. La loro dieta rende ciascuno un ottimo compagno complementare per altri pesci chirurgo pacifici come quelli del genere Zebrasoma che mangiano le alghe più grandi e filamentose. Diverse specie del genere Ctenochaetus mostrano un cambiamento nella colorazione da giovanile ad adulto, anche se la maggior parte degli altri pesci chirurgo non cambia colore invecchiando.
  • Naso – Il genere Naso consiste di 20 specie. La caratteristica più popolare di questo genere è lo sviluppo di una protuberanza o di una singola proiezione a forma di corno sulla fronte di alcuni membri del genere Naso, dando loro la designazione di “Unicornfish“. Tuttavia molti di loro non sviluppano affatto le corna. Altre caratteristiche includono una forma del corpo allungata, un peduncolo caudale più stretto con due bisturi o spine su entrambi i lati che sono fissi anziché retrattili (con l’eccezione di tre specie che hanno una sola spina dorsale), tre raggi pelvici e una singola pinna dorsale continua che parte dalla testa fino a tutta la lunghezza del corpo. Questi pesci generalmente nuotano in grandi branchi e si nutrono di zooplancton. L’eccezione è Naso literatus, che si nutre di alghe e di solito vive in coppia. Sono tra i più resistenti e più pacifici dei surgeonfish, il più grande ostacolo per mantenerli in un acquario è la loro dimensione molto grande, che va da 30 centimetri fino anche ad un metro di lunghezza. La maggior parte sono adatti solo per un acquario pubblico. Il Literatus è di nuovo l’eccezione, in quanto può adattarsi abbastanza bene in un grande acquario domestico.
  • Paracanthurus – Esiste una sola specie nel genere Paracanthurus ed è probabilmente la più popolare in acquariofilia. È il Paracanthurus hepatus.
  • Zebrasoma – Il genere Zebrasoma consiste di 7 specie. Le loro pinne sono completamente estese l’altezza del pesce e sono all’incirca uguali alla sua lunghezza, dandogli un aspetto a forma di disco. Gli zebrasoma si trovano in ogni oceano del mondo. Questi pesci chirurgo relativamente piccoli sono gli esemplari per gli acquari marini più resistenti. Sono tranquilli e vanno d’accordo con una grande varietà di altri pesci. Sono curiosi, attivi e molto simpatici. Inoltre, sono voraci mangiatori di alghe che li rendono ottimi candidati per un ambiente di barriera corallina. Tra i più conosciuti i Zebrasoma flavescens, Zebrasoma veliferum e Zebrasoma scopas e lo Zebrasoma Xanthurum.

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: