Palitossina: tutti i pericoli e perché è necessario leggere questo articolo

La Palitossina è una delle sostanze chimiche marine più tossiche e potresti averla in casa tua proprio adesso. Spero che abbia attirato la tua attenzione.


Palitossina

La Palitossina è una delle sostanze chimiche marine più tossiche e potresti averla in casa tua proprio in questo momento. Spero di aver attirato la tua attenzione.Per determinare quanto sia tossica una sostanza chimica gli scienziati somministrano una dose a un topo da laboratorio per vedere cosa succede. Bene, senza fare morti inutili di animali innocenti, devi sapere che 6 grammi di Palitossina sarebbero sufficienti ad uccidere circa 1 miliardo di topi.

Vedendo le inesattezze che circolano e la non conoscenza riguardante questa tossina molto facile da trovare in vasca, cercheremo di approfondire meglio questo argomento per aumentare la consapevolezza dei rischi e di far luce sulla necessità di comprendere meglio l’impatto di questa tossina nel nostro hobby.

Lo sapevate? Palitossina in breve

effetti palitossina

  • La Palitossina è uno dei veleni più tossici al mondo.
  • È in grado di danneggiare ogni cellula del tuo corpo.
  • Può causare danni ai tessuti, diminuzione della funzionalità respiratoria, coma o morte.
  • Scoperto alle Hawaii, il nome limu-make-o-Hana, significa letteralmente “alghe della morte di Hana” .
  • Non esiste antidoto.
  • Nessuna norma disciplina il test o l’etichettatura del corallo che potrebbe contenere tossine, compresa la Palitossina.
  • Uno studio nel 2011 ha rilevato che 4 su 15 colonie di zoantidi avevano livelli altamente tossici di palitossina

Cosa la rende così tossica?

La Palitossina danneggerà qualsiasi cellula del tuo corpo con cui viene a contatto. La complicanza più comune dell’avvelenamento da Palitossina è la rapida distruzione del tessuto muscolare, chiamata rabdomiolisi. Per metterlo in un contesto più cruento, le viscere delle cellule muscolari si perdono (e sono permanentemente danneggiate).

Quali sono i sintomi dell’avvelenamento da Palitossina?

Se entri fisicamente in contatto con la Palitossina, sulle mani o negli occhi, avvertirai potenzialmente un formicolio o una sensazione di bruciore e alla fine vedrai danni nell’area venuta a contatto con la tossina, mentre la Palitossina si lega alle cellule in quella zona e le distrugge.

Ma l’avvelenamento da Palitossina non sempre si verifica perché hai maneggiato un corallo Palythoa a mani nude. Ci sono rapporti di avvelenamento da Palitossina da aerosol, il che significa che la tossina in qualche modo è evaporata ed è stata inalata facendo ammalare le persone.

Altri sintomi dell’esposizione alla Palitossina comprendono:

  • bruciore/formicolio alla bocca o alla gola,
  • sapore metallico,
  • nausea,
  • vomito,
  • spasmi muscolari,
  • perdita di coordinazione muscolare,
  • difficoltà di respirazione,
  • mal di testa,
  • gola irritata,
  • dolori articolari/muscolari,
  • febbri,
  • tremori,
  • reni,
  • dolore e altro.

Non intendo per questo sembrare uno di quegli spot farmaceutici con la lista degli effetti collaterali. Ma spero che questo ti dia l’input per non sottovalutare questo pericolo.

Per ulteriori informazioni sui sintomi, consultare l’elenco completo dei sintomi del rapporto CDC qui.

Casi conosciuti di avvelenamento da Palitossina

Negli anni sono stati riscontrati numerosi casi di avvelenamento domestico da Palitossina. Il caso più eclatante è accaduto ad un acquariofilo che stava bollendo le sue rocce vive per sbarazzarsi di alcuni Palythoa infestanti. Questo procedimento, assolutamente pericoloso, causò danni a lui e alla sua famiglia. Bollire quelle rocce ha fatto sì che la Palissossina si propagasse nell’aria: ciò ha fatto ammalare tutta la sua famiglia fino a quasi ucciderli.

Nel 2014 un’intera famiglia ha sofferto di avvelenamento da Palitossina causato da una colonia di coralli 7 ore dopo averli aggiunti in vasca. La palitossina era semplicemente stata rilasciata nell’aria e aveva contagiato gli abitanti della casa che l’avevano respirata.

Nel 2015, è stato riportato un caso su un acquariofilo che ha richiesto un trattamento di emergenza dopo aver risciacquato un pezzo di roccia viva nel suo lavandino.

Il fatto preoccupare è che se ti capitasse di sentirti male o magari svenire, i tuoi familiari o il personale medico saprebbero pronti a diagnosticare in tempi rapidi l’avvelenamento da Palitossina?

Mi chiedo quanti casi di effetti lievi da palitossina non vengono segnalati ogni anno, semplicemente perché non si sapeva  che si trattasse di Palitossina. Ogni caso qui descritto è documentabile al sito CDC.

Quali Zoantidi contengono Palitossina?

Le specie di zoantidi che si ritiene contengano più Palitossina sono i Palythoa, ma come forse già sapete, può essere difficile anche per gli scienziati esperti conoscere le specie esatte di un zoantide.

Trattarono un paziente che era stato avvelenato, si eseguì il test istologico, dopo il fatto, per determinare quale specie di zoantide si trattasse e nonostante ciò non furono in grado di confermare quale specie fosse. Lasciatemelo dire ancora (in un modo diverso). Anche quando c’era un caso confermato di avvelenamento – e gli scienziati cercavano di determinare quali specie fossero nell’acquario- il meglio che potevano fare era capire che si trattava di una specie di Palythoa.

Nello stesso studio, gli scienziati comprarono ogni tipo di zoantide distinto che potevano trovare in 3 negozi acquariofili diversi e finirono con 15 distinte colonie. Hanno trovato livelli altamente tossici di Palitossina in 4 delle 15 colonie!

Passare all’azione

È evidente che dobbiamo aumentare la consapevolezza. Rischiare di farsi male in questo splendido hobby non è una via intelligente. Dobbiamo migliorare collettivamente il modo in cui ci avviciniamo alla Palitossina. Posso pensare almeno a 5 modi in cui possiamo migliorare.

  1. Identificazione chiara delle specie note per il trasporto di Palitossina.
  2. Etichette e informazioni di avviso quando vengono acquistati Zoantidi.
  3. Una migliore educazione su come proteggersi.
  4. Migliore comunicazione con i familiari.

Identificazione chiara delle specie note per il trasporto di palitossina

Abbiamo bisogno di un modo migliore per identificare quali specie contengono  la Palitossina e quali no.

Etichette di avvertimento e informazioni sulla sicurezza

Le sigarette causano danni lenti al tuo corpo e vengono giustamente vendute con avvertimenti anche brutali. La Palitossina potrebbe uccidere o ferire te o la tua famiglia. Ci dovrebbe essere anche qui un’etichetta di avvertenza e informazioni sulla sicurezza quando si acquistano zoantidi contenenti Palitossina. Ora, so che c’è un costo per questo, ma non pensi di meritare di sapere che il tuo corallo potrebbe ucciderti nel sonno prima di acquistarlo? Secondo me sì.

Una migliore educazione su come proteggersi

Non penso che ci siano molti metodi conosciuti su come  proteggersi dai pericoli della palitossina nel tuo acquario. I consiglii standard sono quelli di usare guanti, occhiali e lavarsi bene le mani. Questi sono probabilmente buoni consigli, ma non penso che siano abbastanza completi.

Equipaggiamento per la protezione personale

Secondo il CDC, non vi è alcuna raccomandazione basata su prove per dispositivi di protezione individuale, il che significa che non ci sono stati studi che ci aiutino a dimostrare in modo definitivo cosa funziona e cosa non funziona. Ciò significa che qualsiasi consiglio, inclusi i consigli contenuti qui siano ben intenzionati, ma sono solo una supposizione.

Gli aerosol sono probabilmente il più grande pericolo

Prestare la massima attenzione ogni volta che si sta svolgendo un’attività che potrebbe far entrare la Palitossina in circolo nell’aria. Le persone si sono ammalate in casa dopo che i coralli erano stati inseriti in acquario, il che suggerisce che nessuna attrezzatura protettiva personale potrebbe aiutare.

Decontaminazione delle attrezzature

Per neutralizzare la Palitossina che potrebbe essere presente sul tuo equipaggiamento (guanti, pinze o secchi, ecc.), il CDC raccomanda quanto segue:

La Palitossina può essere neutralizzata immergendo il corallo per 30 minuti in una soluzione di candeggina domestica ≥0,1% (1 parte 5%-6% di ipoclorito di sodio [candeggina domestica] in 10 parti d’acqua). Gli elementi contaminati devono essere immersi in candeggina diluita prima di essere eliminati“.

Non penso di aver mai decontaminato il mio equipaggiamento dopo averlo usato, ma ora che ho studiato questo argomento e scritto su questo argomento, potrei seriamente iniziare a farlo!

Migliore comunicazione con i familiari

Parlare con un coniuge o una persona cara sui potenziali pericoli della palitossina può sembrare la soluzione migliore per trovarti immediatamente l’acquario a prezzo di saldo su Subito.it, ma penso che sia giusto parlare con loro dei rischi della palitossina per capire le implicazioni e i pericoli se non ci si comporta in modo consapevole. Condividi con loro l’elenco dei sintomi, in modo che possano comunicare con gli operatori sanitari per tuo conto, nel caso in cui tu ti ferisca. So che può sembrare un po’ esagerato, ma come diceva un famoso spot: “prevenire è meglio che curare”.

Cosa fare se pensi di poter essere influenzato dall’esposizione alla Palitossina

Se pensi di avere uno di questi sintomi, dovresti farti controllare al più presto. Non si sa molto sull’avvelenamento da palitossina e certamente non c’è molto su di esso nella letteratura medica quindi potrebbe essere utile documentarsi un po’.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *