Neolamprologus brichardi: il ciclide del lago Tanganica facile da allevare


Neolamprologus Brichardi copertina

Il Neolamprologus brichardi è uno dei ciclidi africani più conosciuto in acquariofilia. Presente nelle vasche dei neofiti e dei più esperti per le sue qualità come il carattere tranquillo ma soprattutto la robustezza ed adattabilità a vari range dei valori dell’acqua. 

Il Neolamprologus brichardi in natura

Il Neolamprologus brichardi è un pesce della famiglia dei ciclidi, endemico del Lago Tanganica, nella parte settentrionale di quest’ultimo. Prende il nome da [amazon_textlink asin=’0876664648′ text=’Pierre Brichard’ template=’ProductLink’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6c0dc2a5-e4f9-11e7-a8fa-ed2fde25d236′], noto esploratore belga e scrittore sulle specie di pesci africani, che nel 1971 creo’ una stazione di raccolta per i ciclidi del Tanganica. Vive nelle coste rocciose del lago.

Morfologia

Il Neolamprologus brichardi è un pesce aggraziato con un corpo allungato e con una pinna dorsale continua. La pinna caudale è a forma di lira e sviluppa lunghi filamenti fluenti su tutte le pinne non appaiate. Raggiungono fino ai 10 / 13 cm di lunghezza, ma a volte possono diventare un po’ più grandi in acquario raggiungendo fino a 15 cm. Hanno una colorazione molto piacevole da osservare, con un corpo marrone chiaro sommesso e pinne dalla punta bianca. Ha degli occhi di un bel blu brillante molto bello da veder dal vivo.

Neolamprologus brichardi

Allevamento

Il Neolamprologus brichardi è un ottima scelta sia per i neofiti che per gli acquariofili un po’ più esperti dei ciclidi africani. È facile da allevare, a patto che viva in un acquario di dimensioni adeguate alla sua mole, almeno 200 litri. Sono pesci dal carattere tranquillo, scegliendo gli abitanti giusto può vivere benissimo in un acquario di comunità. Vista la loro robustezza riescono ad adattarsi ad una vasta gamma di valori dell’acqua. In acquario inoltre avranno bisogno di un ottimo sistema di filtraggio e cambi di acqua regolari. Il fondo della vasca dovrà essere sabbioso, con rocce (meglio se di origine calcarea) collocati in vasca in modo da creare vari anfratti e grotte. Come abbiamo detto poco fa il Neolamprologus brichardi è si un pesce molto tranquillo, ma, come quasi tutti i ciclidi africani sono territoriali e possono manifestare aggressività durante il periodo della riproduzione.

Neolamprologus brichardi ciclide

Dimorfismo sessuale

Questi pesci sono difficili da riconoscerne il sesso, ma generalmente il maschio ha una pinna dorsale più appuntita e la punta della pinna caudale più lunga.

Riproduzione

Il Neolamprologus brichardi è facilmente riproducibile in acquario. È un ciclide monogamo, forma una coppia per la vita e riescono anche a volte a riprodursi in acquari di comunità. Raggiungono la maturità sessuale e inizieranno a deporre le uova quando raggiungono i 5 cm di lunghezza. Si consiglia di iniziare con un gruppo di almeno 6 individui per cercare di formare le coppie. La femmina preferisce deporre le uova in grotte o talvolta in aree con pietrisco roccioso dove scaverà un sito di deposizione delle uova accanto all’arredo. La prima volta la femmina depone in genere poche uova, mentre in piena maturazione sessuale fino a 200 uova. Le uova saranno depositate sul muro o sul tetto del sito scelto e la femmina le difenderà, mentre il maschio difenderà il territorio. Le uova si schiuderanno in 2 / 3 giorni e gli avannotti cominceranno a nuotare liberi in vasca dopo una settimana. Gli avannotti possono essere alimentati con naupli di artemia.

Neolamprologus Brichardi avannotti
Neolamprologus Brichardi con i suoi avannotti

Alimentazione

I Neolamprologus brichardi in natura sono una specie onnivora, si nutrono di piccoli crostacei e invertebrati trovati nel biofilm del substrato roccioso e di sciami di plancton alla deriva nelle acque del lago. In acquario generalmente mangiano tutti i tipi di alimenti vivi, freschi e in scaglie. Per mantenere un buon equilibrio nutrizionale bisognerebbe dal loro cibo a scaglie o pellet di alta qualità ogni giorno ed integrarlo assieme ad artemie e dafnie. Meglio somministrargli dai 2 ai 5 piccoli pizzichi di cibo al giorno in piccole quantità invece di una grande quantità una volta al giorno. Ciò manterrà la qualità dell’acqua più alta nel tempo. Anche un giorno di digiuno alla settimana può essere utile alla salute dei pesci e alla qualità dell’acqua.

Valori dell’acqua

I suoi valori ideali dell’acqua in vasca sono:

  • Temperatura 23 / 26 gradi
  • Ph 7,3 / 8
  • Gh 12 / 17 dgh

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: