Acquario Iwagumi: introduzione all’acquario di rocce. 1° Parte


Acquario naturale iwagumi

Inizia la guida sull’acquario in stile Iwagumi. Un’immersione totale in uno degli stili più belli e famosi pensati dal Maestro Takashi Amano. Armonia, precisione ed equilibrio in un unico acquario. La guida si dividerà in due parti:

  • 1° Parte. Introdurremo lo stile spiegando le sue forme, le sue parti e la sua storia.
  • 2° Parte. Una seconda parte in cui descriveremo l’aspetto pratico dell’allestimento di una vasca, i vari tipi di Iwagumi, le piante ed i pesci adatti per questo aquascape.
  • 3° Parte. Nella terza ed ultima parte, ci sarà un allestimento guidato tutto fotografico per poterti aiutare o per poter prendere spunto. Inseriremo anche un allestimento step by step del maestro Amano.

Bene, dopo questa breve premessa possiamo iniziare! 

Acquario Iwagumi: introduzione

Se sei appassionato di Acquario Naturale hai sicuramente sentito parlare dello stile Iwagumi di Takashi Amano. Il maestro giapponese lo ha sviluppato circa 30 anni fa.

Takashi Amano all’età di circa 20 anni, si interessò di creare un layout acquatico utilizzando come componente principale le rocce. Così iniziò a studiare 2 materie fondamentali.

  • Suiseki: l’arte giapponese di disporre pietre trovate in natura ed aventi un aspetto particolare in una maniera che sia gradevole e in grado di favorire la meditazione. Suiseki si compone delle parole sui (“acqua”) e seki (“pietra”).
  • e Bonseki: (letteralmente, rocce su vassoio) l’antica arte giapponese di creare giardini in miniatura su vassoi di lacca nera adoperando sabbia bianca, sassi, e piccole rocce. Per la creazione dei Bonseki si utilizzano strumenti delicati come piume, piccole scope, setacci, cucchiai e ramoscelli.

Amano non potè sfuggire nemmeno all’influenza del giardino giapponese quintessenziale, in cui le rocce sono l’ossatura (hardscape) dell’intero layout, e di cui si dice che una volta che la formazione rocciosa sia posizionata correttamente, il resto del layout sarà semplicemente una conseguenza. Questi studi ed i suoi esperimenti lo hanno aiutato a stabilire lo stile Iwagumi.

Le rocce

  1. La prima roccia da immettere in un aquascape di Iwagumi è la roccia primaria o la roccia più grande, l’Oyaishi, ed è sempre collocata fuori centro. È anche spesso leggermente inclinata nella direzione del flusso d’acqua, per dare più senso naturale, cosicché ogni cosa si muoverà nella stessa direzione.
  2. Dopo l’Oyaishi, viene posta la seconda più grande roccia, il Fukuishi. Il Fukuishi è posto sulla sinistra o sul lato destro dell’Oyaishi e il suo ruolo è quello di bilanciare l’Oyaishi e di creare una tensione – una caratteristica che si vede in tutti gli Iwagumi.
  3. La terza roccia più grande segue il Fukuishi: il Soeishi. Ancora una volta, viene posta in una posizione che accentua la forza dell’Oyaishi.
  4. La quarta più grande roccia è il Suteishi, ed è collocato in una zona che completa l’intera formazione rocciosa, perché la sua funzione è di aiutare a portare insieme tutte le diverse rocce per formare un insieme. Nonostante la sua funzione, il Suteishi non è destinato a distinguersi dalla formazione rocciosa nel suo complesso. Infatti, è spesso nascosta dalla flora, e per questo è anche conosciuta come la “pietra sacrificale”.

Fatta eccezione per l’Oyaishi, ci possono essere diversi, o addirittura molti Fukuishi, Soeishi e Suteishi. La denominazione delle rocce in base alle loro dimensioni fornisce solo una linea guida su come produrre un aquascape Iwagumi ben bilanciato.
Molte persone hanno un senso innato per questa sensazione di equilibrio, mentre altri semplicemente non lo hanno e devono seguire le regole per raggiungerlo.

iwagumi ordine rocce
Ecco un esempio di posizionamento rocce in base alla grandezza

Cosa mi devo aspettare da un Iwagumi?

Uno degli aspetti più difficili dello stile Iwagumi è quello di ottenere un equilibrio visivo. Molti aquascaper seguono la regola aurea, che divide il layout in tre segmenti uguali dall’alto verso il basso e da un lato all’altro. Il punto focale è posto dove le diverse linee verticali e orizzontali si intersecano (questo argomento lo vedremo nel dettaglio in una guida dedicata). Naturalmente, questo non significa misurare i nostri acquari millimetro per millimetro. Il punto è che mettere le rocce in queste aree aggiunge forza e messa a fuoco all’intero aquascape.

regola aurea iwagumi punto focale
regola aurea iwagumi punto focale

Il substrato, invece, imposta le basi per il flusso visivo. Negli Iwagumi, il substrato viene utilizzato per creare contorni e texture per mantenere l’occhio in movimento e disegnarlo in tutti gli aspetti dell’aquascape. Un substrato strategicamente pianificato può anche contribuire a creare un’illusione di profondità, ad esempio inclinando verso l’alto da fronte a dietro. Si potrebbe anche avere un lato del substrato dell’acquario leggermente superiore rispetto all’altro lato. Ognuno di questi metodi aggiungerà maggiore personalità e profondità a quanto inizialmente potrebbe sembrare un disegno semplice. Naturalmente, l’obiettivo è che una volta che il substrato è coperto da piante di copertura del terreno, dovrebbe generare una sensazione di fluidità e di movimento presentandosi con colline o valli verdi.

Iwagumi: semplice ed elegante, o complesso e complicato?

Come già sappiamo, esistono diversi tipi di Iwagumi. Sanzon Iwagumi utilizza tre pietre: una pietra più grande e due piccole pietre affiancate che si appoggiano verso quella più grande, quasi come aderire ad essa. È chiamato Sanzon Iwagumi perché le tre pietre sono paragonate alle triadi buddiste. Sanzon Iwagumi ha un’atmosfera molto distintiva: è quasi regale nella sua maestosa eleganza.

Sanzon Iwagumi
Sanzon Iwagumi

Ma non tutti gli Iwagumi hanno solo tre pietre. Mentre a tre pietre possiedono un’eleganza impressionante e simbolica, quelli con più pietre hanno un elemento aggiunto di complessità. Mentre non esiste una regola assoluta sul numero massimo di pietre, è sempre meglio utilizzare un numero dispari: 3, 5, 7 o 9 pietre e così via. C’è una ragione per questo!

Quando non abbiamo quel senso innato e intuitivo di organizzare le cose in modo da essere equilibrate, abbiamo la tendenza a organizzare le cose in modo stilizzato o simmetrico, che per le scene naturali che vogliamo creare è molto innaturale. L’utilizzo di un numero dispari di pietre impedisce questa tendenza e quindi contribuisce a rendere l’Iwagumi più attraente e naturale. Previene inoltre che la faccia diventi “spaccata” e scollegata – con un numero uguale di pietre da entrambi i lati. Tuttavia le pietre che si scelgono di utilizzare, devono essere tutte dello stesso tipo. Questo è importante per creare continuità e fornire armonia all’intero layout.

Creazione del tuo Hardscape

Quando si avvia un layout, occorrerà più di un materiale per l’hardscape, vale a dire che dovrai raccogliere rocce extra nel caso in cui il tuo disegno possa cambiare. Questo ti darà anche più opzioni quando inizierai a pianificare e costruire il tuo aquascape. Inoltre, è necessario disporre di rocce diverse da scegliere. E hai bisogno di trovare rocce che hanno carattere, perché le venature (texture), più saranno pronunciate, e più renderanno dettagliato e complesso il tuo layout.
L’obiettivo è quello di trovare un gruppo di rocce che condividono lo stesso tipo e schema di colori, ma che sono diverse nei loro singoli dettagli, pattern, forme e contorni. Una volta sistemate, le rocce appaiono come una collezione unificata con un fuoco chiaro, mentre ogni roccia mantiene ancora le proprie caratteristiche distinte.

flusso corrente iwagumi
il flusso armonico della corrente in un classico iwagumi

Quindi, quando si selezionano le pietre, è importante tenere a mente il loro scopo all’interno dell’aquascape. Guardiamo ancora una volta a ciò che è richiesto per ogni roccia.

Oyaishi – Il punto focale

Questa è la pietra primaria  del layout. Dovrebbe essere la pietra più grande e più bella e deve avere un carattere e una forma impressionanti. L’Oyashi o la pietra primaria deve essere circa 2/3 l’altezza dell’acquario, in quanto questo rapporto si appella all’occhio umano.
Nell’aquascape, l’Oyashi dovrebbe essere inclinato. Mentre le Oyashi nei giardini giapponesi tendono a stare in piedi, in aquascaping la pietra è inclinata per caratterizzare il flusso dell’acqua. Se la pietra fosse in un fiume, naturalmente sarebbe stata inclinata a causa della forza del flusso dell’acqua. Nell’acqua, l’inclinazione del’Oyashi ci dà l’effetto più naturale e bello.

Fukuishi – la pietra secondaria

Questa pietra secondaria dovrebbe essere la seconda più grande e viene posta sul lato sinistro o destro dell’Oyaishi o della pietra primaria. Il Fukuishi dovrebbe essere simile in texture e deve essere lo stesso tipo di pietra dell’Oyaishi.

Soeishi – La terza pietra

La terza pietra è posta accanto all’Oyaishi, insieme al Fukuishi. Il Soeshi svolge un ruolo importante nel flusso degli Iwagumi, rafforzando la forza dell’Oyaishi o accentuando la sua presenza.

Suteishi – la pietra sacrificale

Il Suteishi è una piccola pietra che non si distingue da sola e può anche essere nascosta dalle piante nel tempo. È destinata ad aggiungere un elemento di sottigliezza e complessità agli Iwagumi. Il Suteishi può essere omesso dall’aquascape se si sta creando un Sanzon Iwagumi.

Le pietre di aiuto

Le pietre fondamentali degli Iwagumi vengono utilizzate in qualsiasi combinazione e in combinazioni più grandi e intricate si combinano spesso con pietre “d’aiuto”: piccole rocce sconosciute che non devono adattarsi a nessuna delle nostre definizioni formali.
Come nei giardini giapponesi, due e tre gruppi di pietre sono la norma e possono essere combinati per creare punti focali più grandi (ma non principali). Se avete letto qualcosa sui giardini giapponesi, saprete che ci sono cinque gruppi di pietre che sono di solito il focus principale di un giardino, spesso nella posizione di “rocce da guardia”. Questo è un raggruppamento molto potente e necessita di un equilibrio attento, se si desidera provare.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *