L’importanza dell’acqua osmotica e di un impianto a osmosi


L'importanza dell'acqua osmotica e dell'impianto a osmosi
L’importanza dell’acqua osmotica e dell’impianto a osmosi

Per riempire l’acquario, per fare cambi parziali dell’acqua, è essenziale utilizzare acqua d’osmosi comprata dal tuo negoziante o preparata con un impianto a osmosi. Ciò manterrà la migliore qualità possibile in un acquario d’acqua dolce o marino. Uno dei metodi più comuni che gli acquariofili usano per ottenere questa “acqua di origine purificata” è l’impianto di osmosi inversa.

Che cos’è l’osmosi inversa?

L’osmosi inversa rende possibile la purificazione dell’acqua di rubinetto attraverso una membrana semipermeabile che consente alle molecole d’acqua di fluire, ma esclude al tempo stesso, una vasta gamma di contaminanti e di impurità disciolte in essa.

Questo processo è chiamato osmosi inversa perché l’acqua che passa attraverso la membrana, normalmente scorre da una zona contenente una concentrazione inferiore di soluti ad una zona con una concentrazione più alta di soluti. Pressurizzare l’acqua sul lato della membrana con la maggiore concentrazione di soluto inverte questo processo.

Che cosa è la deionizzazione?

La deionizzazione comporta il passaggio dell’acqua del rubinetto attraverso una resina deionizzante, che si lega con gli ioni ricchi di contaminanti disciolti e quindi li esclude dall’acqua.

Ma se è abbastanza buona da bere…

Sembrerebbe logico pensare che l’acqua idonea al consumo umano dovrebbe essere abbastanza pura anche per gli organismi del nostro acquario. Purtroppo questo non è vero. Il cloro, i nitrati, i fosfati, il rame, il piombo e le tracce di pesticidi o erbicidi sono solo una breve lista dei contaminanti che possono essere presenti nell’acqua di rubinetto e potrebbero essere dannosi, se non mortali, per la vita dei nostri amici pinnuti. Un impianto a osmosi rimuove tutte queste impurità e molto altro ancora.

Ma il mio amico ottiene ottimi risultati usando solo l’acqua del rubinetto biocondizionata!

Se vivi in ​​un comune che vanta acqua di rubinetto di eccezionale qualità, potrebbe essere possibile avere successo con acqua di rubinetto semplicemente trattando l’acqua stessa con un un biocondizionatore, prima di utilizzarla nel tuo acquario marino o d’acqua dolce. Ma questo approccio è un azzardo, specialmente nell’acquario marino e ancor più specialmente se si intende mantenere coralli e altri invertebrati sensibili.

Perché? Alcuni contaminanti che possono essere presenti nell’acqua del rubinetto (ad esempio, rame) sono estremamente mortali nei confronti dei coralli e degli altri invertebrati sessili. Altri (ad es. Nitrati e fosfati) possono alimentare le fuoriuscite delle alghe. Senza contare che la vostra società di servizi può cambiare il protocollo di trattamento dell’acqua senza notificarlo, per cui l’acqua del rubinetto che magari era stata considerata accettabile, improvvisamente non lo è più e la vostra popolazione può subirne gravi conseguenze.

Elimina tutti i dubbi

La fonte di emissioni di qualità dell’acqua, come livelli elevati di nitrati o fosfati, a volte può essere difficile da individuare e risolvere. Se però, si tratta regolarmente l’acqua del rubinetto con un impianto a osmosi di qualità, è possibile praticamente escludere l’acqua come causa dei problemi della vasca. Questo aiuta a eliminare un sacco di dubbi e ti consente di concentrarti in modo più efficace sulla risoluzione dei problemi.

Cosa fare con tutta quell’acqua di scarico?

Un inconveniente degli impianti di osmosi è che tendono a produrre notevolmente più acqua di scarico rispetto all’acqua di prodotto purificata. Dovresti trovare un modo alternativo per non sprecare tutta quell’acqua. Io ad esempio la utilizzo per l’irrigazione del giardino e delle piante, ma la puoi utilizzare anche per il lavaggio dell’auto, dei sanitari, ecc.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *