Gobiodon okinawae: tra i pesci più piccoli in acquariofilia marina

Se si cerca un pesce piccolo per nano reef e che dia al tempo stesso un sacco di soddisfazioni, non dovresti trascurare il ghiozzo di Okinawae (Gobiodon okinawae).


Gobiodon okinawae

Gli acquariofili appassionati di nano reef devono essere molto attenti quando selezionano un pesce per la loro vasca per assicurarsi che gli esemplari che scelgono vivano bene nei loro acquari. Se si cerca un pesce piccolo per nano reef e che dia al tempo stesso un sacco di soddisfazioni, non dovresti trascurare il ghiozzo di Okinawae (Gobiodon okinawae). È affascinante, colorato, attivo, e in genere molto economico.

Tratti fisici

Il Gobiodon okinawae è di colore giallo canarino uniforme. La sua forma generale del corpo è in qualche modo simile a quella dei pesci pagliaccio, da cui adotta anche il nome di “ghiozzo pagliaccio“. Per quanto riguarda le dimensioni, questa specie del Pacifico occidentale è tra i pesci più piccoli disponibili nell’hobby, con dimensioni comprese tra circa 2,5 e 4 centimetri.

Alimentazione

Questo ghiozzo accetterà generalmente una varietà di piccoli cibi carnosi, come mysis, gamberetti, molluschi o crostacei tritati finemente, cibi congelati, ecc. Tuttavia, è molto riluttante a nutrirsi inizialmente, quindi ci vorrà un po’ di pazienza. Assicurati che ogni esemplare che stai considerando di acquistare stia mangiando già nella vasca del tuo negoziante prima di acquistarlo. Inoltre, evita esemplari che appaiono troppo magri, poiché è improbabile che si riprendano. Offri varie e piccole razioni di cibo al giorno 3 o 4 volte.

Gobiodon okinawae in acquario

Gobiodon okinawae tra i coralli

Come indicato nel titolo, il Gobiodon okinawae è un pesce perfetto per il nano reef, il che significa che può essere allevato in vasche da 40 litri. In natura, risiede tra i rami dei coralli duri, in particolare delle Acropora spp. Tuttavia, come per i pesci pagliaccio e gli anemoni, non è fondamentale mantenere i gobidi pagliaccio con un corallo ospite in cattività. Se mantieni una coppia riproduttiva in una vasca contenente Acropore, sappi che la femmina deporrà le sue uova tra i rami del corallo, probabilmente uccidendo i polipi nel punto di attacco.

Compatibilità

Essendo una specie molto piccola, il Gobiodon okinawae non dovrebbe essere tenuto con nessun pesce abbastanza grande da inghiottirlo.

I Gobiodon okinawae  producono un muco tossico e dal sapore sgradevole che serve per tenere lontani i predatori. A parte ciò, è un pesce molto pacifico e ogni compagno di vasca dovrebbe conviveci bene. Per quanto riguarda i conspecifici, se l’Okinawae è il più piccolo, lo manterrei da solo o in una coppia riproduttiva. Due esemplari tenuti insieme dovrebbero diventare facilmente una coppia riproduttiva poiché questa specie è ermafrodita. Tutti gli individui nascono come femmine e cambiano sesso a seconda delle necessità riproduttive. In vasche che offrono spazio a più territori, diversi esemplari possono essere tenuti insieme senza troppi litigi.

Nonostante la considerazione di cui sopra riguardante i coralli duri ramificati e le abitudini di deposizione delle uova delle femmine, il Gobiodon okinawae è generalmente un ottimo pesce per gli acquari di barriera.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *