Ctenochaetus truncatus: un pesce chirurgo docile e ghiotto di alghe

Il Ctenochaetus truncatus è un pesce chirurgo che, come il cugino Ctenochaetus Strigosus, si ciberà di ogni forma di alga presente in vasca.


Ctenochaetus truncatus

Il Ctenochaetus truncatus è un fantastico pesce chirurgo che vive nell’Oceano Indiano. Nel loro habitat naturale si trovano a profondità fino a circa 20 metri. Abitano su creste e pendii interni della barriera, aree con acqua fortemente ossigenata dalle forti maree. I giovani truncatus sono spesso visti in gruppo mentre gli adulti generalmente vivono in coppia.

Dal 1955 al 2001, il Ctenochaetus truncatus, insieme ai tre suoi parenti stretti, fu raggruppato da Randall nel Complesso Strigosus. In questo complesso erano inclusi anche il Ctenochaetus flavicauda, Ctenochaetus strigosus, e il Ctenochaetus cyanocheilus.

Tutti e quattro questi pesci sono estremamente simili, a parte alcune lievi variazioni nei loro colori e la provenienza da diverse regioni.

Descrizione

Il Ctenochaetus truncatus è molto simile alla sua controparte dell’Oceano Pacifico, il Ctenochaetus strigosus. Questa specie è molto bella con un corpo di colore chiaro e piccole macchie blu e gialle. I giovani sono più “pallidi” con pinne dorsali, anali e caudali gialle. La parte superiore della pinna dorsale e il fondo delle pinne anali sono blu, e c’è un anello blu intorno all’occhio.

Su ciascun lato del peduncolo caudale vi è una singola colonna vertebrale o “bisturi” usati per difesa o dominio. Questa singola colonna vertebrale è ciò che colloca il genere Ctenochaetus nella sottofamiglia Ancanturidae, insieme agli altri generi Acanthurus, Zebrasoma e Paracanthurus. Sebbene diversamente da questi, la colonna vertebrale sul Ctenochaetus è piuttosto piccola.

A differenza della maggior parte degli altri pesci chirurgo della famiglia Acanthuridae che possiedono 9 spine dorsali, i Ctenochaetus hanno solo 8 spine dorsali (la prima è molto piccola). I Ctenochaetus hanno i denti molto piccoli, come delle piccolissime setole e una bocca sporgente. Questi denti sono adatti per raschiare vari tipi di alghe e materiale detritico dalle rocce, dalla sabbia e da altre superfici e quindi usano la bocca per aspirare il cibo. Nell’acquario vedrete spesso piccoli segni di labbra sul vetro in cui si trovavano le alghe. È un pesce che può raggiungere i 16 centimetri di lunghezza.

Difficoltà nell’allevamento del Ctenochaetus truncatus

I Ctenochaetus truncatus sono generalmente considerati più difficili da mantenere, ma con una certa esperienza e fornendo le dovute attenzioni, si può avere successo. Alcune linee guida per la selezione di un pesce sano includono evitare quelli con pinne danneggiate e, soprattutto, quelli con la bocca danneggiata. Assicurati anche che il pesce stia mangiando.

Questo pesce ha bisogno di molto movimento dell’acqua per ottenere un ambiente ricco di ossigeno. Essendo abbastanza agile, ha bisogno di molto spazio per nuotare insieme a molti coralli e rocce che vadano a creare grotte e anfratti per ritirarsi e dormire la notte. Può essere allevato in una vasca di comunità in quanto non danneggerà coralli o invertebrati. La roccia viva e la sabbia viva si prestano alla crescita naturale di alghe e ai depositi di detriti sui quali questo pesce si divertirà a pascolare.

I pesci chirurgo mangiano continuamente e devono essere alimentati con una dieta adeguata. In quanto pesci molto sensibili ai valori dell’acqua, avranno bisogno di uno schiumatoio eccellente e di piccoli cambi d’acqua regolari.

Alimentazione

Sebbene il Ctenochaetus truncatus sia considerato erbivoro, in natura si nutre di detriti, dinoflagellati (piccoli protozoi marini), diatomee (alghe unicellulari) e grandi quantità di altro materiale organico. Nell’acquario gran parte della loro dieta sarà soddisfatta dal pascolo sulle alghe e sui detriti. Tuttavia questa fonte di cibo non sarà sufficiente per mantenerli, quindi devono essere offerti anche alimenti supplementari.

La maggior parte del loro apporto sarà di origine vegetale, ma hanno anche bisogno di alcuni alimenti carnosi. Fornisci molte alghe marine, spirulina, e mysis. Alghe Nori o altre alghe possono essere attaccate al vetro dell’acquario con un’apposita clip. Nutri il tuo Ctenochaetus truncatus 3 volte al giorno in piccole quantità anziché una volta al giorno.

Mantenimento

Il Ctenochaetus truncatus è un abile nuotatore e trascorrerà gran parte del suo tempo a pascolare tra rocce, sabbia e il vetro dell’acquario, rimuovendo ogni tipo di alghe e detriti. Non sono necessari frequenti cambi d’acqua, piuttosto normali cambi d’acqua mensili.

Parametri dell’acquario

Questi pesci avranno bisogno di un grande acquario con molta roccia e/o sabbia viva. La roccia viva e la sabbia viva si prestano per una buona crescita algale dove si accumulano detriti che aiuteranno a mantenere questo mangiatore vorace.

  • Dimensioni minime dell’acquario: 280 litri
  • Illuminazione: in natura si trova nelle aree illuminate dal sole. Può essere tenuto in normali condizioni di illuminazione nell’acquario, ma può anche essere tenuto sotto una luce molto intensa purché siano previsti alcuni spazi scarsamente illuminati.
  • Temperatura: questa specie vive in aree tropicali in cui le temperature sono comprese tra i 23 e i 27°C.
  • Movimento dell’acqua: da moderato a forte

Passerà il tempo principalmente nella parte centrale e inferiore dell’acquario, raccogliendo la roccia e la sabbia e pulendo il vetro dell’acquario. Dormirà in fessure di notte.

Compatibilità con altre specie

Il bello del Ctenochaetus truncatus è che stanno bene in un ambiente di barriera con invertebrati e coralli e pascoleranno sulle alghe. Questo è uno dei chirurghi più pacifici. Il suo comportamento moderato lo rende un buon compagno in un acquario di comunità.

Non dovrebbe essere ospitato con specie aggressive ma pesci piuttosto pacifici. Evita pesci di forma simile e quelli con la stessa dieta. In natura gli adulti mantengono i legami di coppia, tuttavia poiché è praticamente impossibile replicare ciò in acquario, è meglio tenerli singolarmente. Può essere tenuto con una varietà di altri compagni di vasca, compresi altri pesci chirurgo. Gli Zebrasoma possono essere una buona scelta in quanto mangiano un diverso tipo di alghe.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *