Come gestire il tuo acquario quando sei in vacanza


Tutti i proprietari di animali domestici affrontano di tanto in tanto il problema di cosa fare quando vogliono o devono viaggiare. Con la maggior parte degli animali domestici è piuttosto semplice. Cani, gatti e simili sono facili da portare con sé o in alternativa lasciare a casa. Anche se affidati ad una persona estranea, infatti, sapranno sicuramente come prendersi cura e soddisfare i loro bisogni nel periodo di tempo che voi siete fuori. 

Per i pesci e l’acquario in generale il discorso cambia, molte persone a cui potete affidare la vasca sanno che i pesci hanno bisogno di mangiare, ma la loro conoscenza finisce lì.

Come gestire il tuo acquario quando sei in vacanza

La semplice azione di nutrire i pesci può essere una sfida per qualcuno, ancor di più se l’acquario che ha di fronte si affida ad apparecchiature come pompe, filtri per noi di uso comune per mantenere un ciclo vitale in acqua soddisfacente, ma per loro totalmente aliene.

Naturalmente il tuo acquario non esploderà appena varcherai la porta di casa, per un paio di giorni può essere totalmente indipendente, senza l’ausilio di nessuno, ma la domanda che sorge spontanea è: “Per quanto tempo può durare?“. La risposta a questa domanda è data da una serie di fattori che andremo a vedere insieme.

I pesci ed il cibo

Probabilmente la più grande domanda e il primo pensiero saranno se i pesci dovranno essere nutriti o meno. La risposta ovviamente dipende per quanto tempo starete fuori casa, ma dipende anche dal tipo di pesce che si ha in vasca. Alcune specie possono stare più a lungo di altre senza pasto, ma pesci che sono ancora in crescita avranno bisogno di più cibo rispetto ad un altro pesce. Quindi, in media quanto può durare un pesce senza mangiare?

Da molte parti ho sentito che la regola generale è una settimana senza sapere di che pesci si parlasse. La cosa più importante da fare per conoscere questo dato con certezza è quello di imparare le caratteristiche di ogni singola specie in vasca presente.

Tuttavia, fatta eccezione per gli avanotti, la maggior parte dei pesci di costituzione sana può durare in media 3/4 giorni senza cibo. Se pensi di stare fuori di più le opzioni migliori sono 2:

  • Prendere accordi con un familiare o un vicino di casa, dividendo il cibo da somministrare in porzioni uguali in modo che quest’ultimo non ecceda e crei inquinanti.
  • Comprare le cosiddette [amazon_textlink asin=’B000A216C4′ text=’mangiatoie automatiche’ template=’ProductLink’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’799db544-f0a8-11e7-96e8-25d473280400′], in modo da somministrare la giusta quantità di cibo nei tempi programmati.

[amazon_link asins=’B00FS98LWM,B00912V9M6,B00XUGTVG0,B000A216C4′ template=’ProductCarousel’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2eb8edb2-f0a9-11e7-80e8-5d2bcd877dea’]

Manutenzione

Oltre all’alimentazione dei pesci ci sono altri fattori da prendere in considerazione per poter partire in vacanza tranquilli. Se andrai fuori un giorno o due, la tua vasca andrà bene da sola, ma se l’intenzione è quella di star fuori alcune settimane è necessario attuare un piano preventivo. Fare una manutenzione preventiva come controllare che tutta la strumentazione funzioni correttamente e fare un cambio d’acqua un giorno o due prima di partire, è la chiave. Se hai pompe o filtri che non pulisci da tanto, beh, rimboccati le maniche, perché è arrivato il momento per farlo. Ti risparmierai parecchi problemi che potrebbero nascere qualora si rompessero durante la tua assenza. Non voglio portarti sfortuna, ma può accadere. Infine se ce l’hai, inserire una [amazon_textlink asin=’B000L115WU’ text=’presa temporizzata’ template=’ProductLink’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’bbc94084-f0a8-11e7-8db2-293e924eee09′] nella presa delle luci è un ottimo modo per mantenere la vasca in un ciclo vitale regolare anche quando non sei in casa.

[amazon_link asins=’B075D4YHBT,B00ED05T9K,B00OEBHH1Q,B00X75REWM’ template=’ProductCarousel’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’0096044e-f0a9-11e7-8e9b-15bbfdc4f8dd’]

Una volta tornati a casa

So già che una volta tornato a casa l’ultimo pensiero che avrai sarà quello della vasca, ma cerca di trovare un attimo per controllare che tutta la strumentazione funzioni correttamente, fare un appello dei pesci, per vedere che siano tutti in salute.

Un’ultima cosa (ma a mio parere la più importante), bisognerà fare un giro di test per vedere se tutto è ok, ma soprattutto perché una mano diversa dalla vostra ha alimentato i pesci, ed in caso di eccedenza di cibo gli inquinanti possono essere causa di seri problemi. Con un po’ di pianificazione e manutenzione preventiva potrai partire tranquillamente, tutto sta a conoscere le cose ed organizzarsi.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *