Chrysiptera parasema: una damigella non aggressiva

La Chrysiptera parasema è davvero una chicca che può far parte del tuo acquario marino. Il suo corpo è di un blu brillante in generale. A seconda dell'illuminazione dell'acquario, questa colorazione può assumere tonalità più luminose o più profonde o addirittura apparire viola o quasi nera.


Chrysiptera parasema

Chiedete a qualsiasi acquariofilo marino di elencarti i pesci più aggressivi della barriera corallina e la damigella, della famiglia Pomacentridae sarà probabilmente collocata in un punto molto alto della lista. Per molte specie di damigelle, la reputazione di specie aggressiva è ben meritata. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni degne di nota che annoverano tipi di damigelle che sono in realtà abbastanza docili e in grado di coesistere pacificamente con un’ampia varietà di compagni di vasca. Tra questi c’è la famosa damigella blu a coda gialla o damigella mezza azzurra (la Chrysiptera parasema).

Caratteristiche fisiche della Chrysiptera parasema

La Chrysiptera parasema è davvero una chicca che può far parte del tuo acquario marino. Il suo corpo è di un blu brillante in generale. A seconda dell’illuminazione dell’acquario, questa colorazione può assumere tonalità più luminose o più profonde o addirittura apparire viola o quasi nera. Come suggerisce il nome comune, la coda e il peduncolo caudale sono di colore giallo brillante. In alcuni esemplari, il giallo può apparire anche sulla pinna anale e sul bordo posteriore della pinna dorsale. La lunghezza massima per questa specie non è di soli 8 centimetri.

Un pesce per principianti praticamente perfetto

Poche specie sono più adatte ai principianti della damigella blu a coda gialla. La Chrysiptera parasema è straordinariamente resistente, quindi di solito può subire occasionali errori in termini di qualità dell’acqua a cui i principianti sono inclini e accetta fin da subito il cibo che le viene fornito. A causa delle sue dimensioni ridotte e del fatto che non richiede una grande quantità di spazio per nuotare, è anche un’ottima scelta per acquari più piccoli come i nano reef (a partire da circa 75 litri).

Gli alimenti si adattano alla Chrysiptera parasema

La Chrysiptera parasema è onnivora e, pertanto, il suo menu in cattività dovrebbe includere una buona varietà di cibi sia carnosi che a base di alghe. Mysis, gamberetti, artemia, frutti di mare tritati finemente, pellet, scaglie e vari cibi congelati per onnivori ed erbivori sono solo un esempio della varietà di cibi che accetterà. Ancora una volta, l’alimentazione è un gioco da ragazzi e gli scioperi della fame sono rari con questa specie.

Compatibilità con altri pesci

La Chrysiptera parasema preferisce compagni di vasca pacifici e abbondanti nascondigli, in quanto sono spesso predati in natura. È una specie preferita tra gli acquariofili perché è attiva, ma molto meno aggressiva della maggior parte delle damigelle.

Tuttavia, questi pesci a volte molestano i pesci più passivi in ​​un acquario. Inoltre, nonostante la sua natura relativamente pacifica, questa specie può essere territoriale con membri della sua stessa specie. Tendono a diventare più aggressivi se tenuti singolarmente. Questa aggressività può a volte essere ridotta tenendoli in piccoli gruppi dispari (da tre a sette).
Nonostante la sua natura robusta, la Chrysiptera parasema non deve essere collocata in un acquario con pesci predatori più grandi, che potrebbero vederla come fonte di cibo. Preferisce compagni di vasca pacifici e abbondanti nascondigli, in quanto sono spesso predati in natura.

Un pesce ideale per la barriera corallina

La Chrysiptera parasema non è una scelta perfetta solo per i principianti, ma è anche un candidato ideale nei sistemi di barriera corallina. Questa piccola gemma è completamente inoffensiva per i coralli e altri invertebrati sessili e avrà un impatto minimo anche a livello organico per tutto il tuo acquario.

Chrysiptera parasema - damigella

Uno dei pochi pesci marini che può riprodursi in acquario

La Chrysiptera parasema è una delle rarissime specie di pesci marini che possono riprodursi in cattività.

In natura, il maschio di Chrysiptera parasema ha i propri territori, situati vicino a un sito di nidificazione. Ogni territorio contiene uova di damigelle precedenti. Le femmine nuoteranno ispezionando ogni maschio e il suo territorio prima di sceglierne uno in base alle sue dimensioni e al numero di uova nel suo territorio. Come parte della valutazione, la femmina mostrerà un anello di luce attorno agli occhi. Il giorno dopo, la femmina apparirà con il maschio scelto. Un singolo maschio può avere fino a 10.000 uova di diverse femmine. I maschi spesso abbandonano i loro territori per rivendicare territori con più uova, in quanto ciò li fa apparire più favorevoli alle femmine. Le uova si schiudono dopo circa 4 giorni, a seconda della temperatura, e il maschio è responsabile della custodia e della cura delle uova. Il successivo stadio larvale può richiedere da 10 a 50 giorni.

È molto difficile distinguere i maschi dalle femmine. In generale, i maschi tendono ad essere più grandi e più magri e diventeranno più aggressivi verso le femmine quando sono pronti per accoppiarsi. I maschi sono infine responsabili della custodia delle uova, quindi mostreranno anche un comportamento più territoriale sulla covata. La riproduzione avviene tranquillamente in cattività. Le femmine depongono circa 300 uova, che si schiuderanno entro 96 ore (poche ore dopo lo spegnimento delle luci). Le uova e le larve, a causa delle loro dimensioni ridotte, però, sono difficili da allevare. Le stelle, i vermi e i granchi potrebbero infatti mangiare le uova delle damigelle.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *