Chelmon rostratus: un pesce farfalla rischioso, ma non impossibile

I pesci farfalla Chelmon rostratus, sono più delicati della maggior parte dei pesci, ma nonostante ciò non è impossibile allevarli in acquario.


Chelmon rostratus

Il pesce farfalla Chelmon rostratus è tra i miei pesci marini preferiti. Conosciuto comunemente come Pesce farfalla dal rostro, è appartenente alla famiglia Chaetodontidae. Non è solo la bellezza delle distinte strisce gialle bordate di nero su un corpo argenteo che mi colpisce, ma anche la sua forma insolita. Il muso, che è lungo quasi quanto il suo corpo, termina con una bocca progettata per mangiare prede.

Nel mare, gran parte di queste prede consistono in vermi che possono catturare anche in crepe piuttosto profonde nella roccia. L’unica difesa del pesce sono le rigide spine dorsali che girerà verso il predatore male intenzionato. Può prendersi cura di sé anche nascondendosi molto velocemente, incuneandosi saldamente in una sottile fessura della barriera corallina.

Un record di mortalità troppo alto

I pesci farfalla Chelmon rostratus, sono più delicati della maggior parte dei pesci che amiamo tenere in acquario, e sfortunatamente la loro aspettativa di vita in molti acquari domestici è decisamente bassa. In natura possono vivere almeno dieci anni mentre è quasi impossibile che raggiungano questa durata di vita in cattività.

Inoltre, sono inclini a saltare fuori dalla vasca se tenuti con pesci aggressivi, poiché tendono a risalire verso la superficie mentre puntano le loro spine dorsali contro l’aggressore.

Chelmon rostratus: il problema della pesca e della spedizione

Il problema più grosso di questi pesci è che spesso vengono danneggiati durante la pesca o la spedizione. Un Chelmon rostratus sano non dovrebbe avere segni, come chiazze scure, squame sollevate o altro. Molte volte quelle macchie scure provengono da emorragie interne, probabilmente da organi interni o muscoli perforati. Qualsiasi pesce sottile come questo pesce farfalla, ha le costole quasi dritte, rivolte verso l’esterno del suo corpo con un sottile strato di muscoli in mezzo. Questo “difetto di progettazione” è un enorme danno per questi pesci, in quanto sono molto inclini a subire lesioni. A volte la ferita passa inosservata per una settimana o due, ma poi la macchia scura diventa più scura e il pesce alla fine muore. Non esiste una cura per questo, e il pesce non si riprende mai. Un pesce più “grasso” come il pesce pagliaccio ad esempio, di solito non ha questo problema.

Scegli un esemplare sano

La buona notizia è che è abbastanza facile scegliere un pesce farfalla sano. Se nuota in giro guardando te, il soffitto o qualsiasi altra cosa, potrebbe non essere in buone condizioni, dato che sono sempre affamati. Quelli sani osserveranno costantemente qualcosa su una roccia o sulla sabbia che credono di aver visto muoversi. Se non lo trovano, passano alla prossima probabile merenda.

I Chelmon rostratus sono sempre in continuo movimento. Tutti i pesci con le piccole bocche sono sempre in movimento perché non possono mangiare molto in un solo pasto, quindi devono cacciare costantemente. Quella piccola bocca non è molto adatta ad uccidere qualcosa di più grande di una frazione di secondo.

Un pesce molto intelligente

Il Chelmon rostratus non è un pesce particolarmente veloce, ma è molto intelligente. La maggior parte dei pesci, come i pesci angelo o i pesci chirurgo, nuotano senza meta, ma un pesce farfalla sembra avere una missione. Hanno inoltre una grande personalità e ogni esemplare ne ha una diversa.

Chelmon rostratus: alimentazione

Sulle barriere coralline, i Chelmon rostratus vivono in prossimità delle Aiptasie (infatti molti acquariofili li introducono in vasca con lo scopo di eliminare questi fastidiosi anemoni), di minuscoli gamberi, avannotti e vermi. In cattività, alcuni mangeranno Aiptasia, alcuni mangeranno solo vongole e altri solo vermi. Non è detto quindi che se introduci in vasca un pesce farfalla con lo scopo di eliminare le Aiptasie, questa scelta si rivelerà poi vincente. Ad ogni modo, quasi tutto ciò che mangiano o striscia o sporge da una roccia. Questo è lo scopo di quel muso. Lo usano per estrarre piccole creature dalle loro nicchie. Quindi, come ho detto, un Chelmon rostratus sano dovrebbe essere costantemente alla ricerca di cibo nel substrato o nei buchi nelle rocce.

Aiptasie e piccoli vermi presenti naturalmente in vasca non basteranno però a sfamare il tuo Chelmon rostratus. Dovrai integrare del cibo e qui nasce la vera e propria sfida con questo pesce. Il Chelmon rostratus è concepito per mangiare cibi vivi e corposi, come vermi, e questo è il cibo preferito per questo pesce. Naturalmente mangeranno anche altre cose, ma quasi mai mangeranno fiocchi e pellet. Quindi dovrai per forza alimentarlo con cibo vivo.

Oltre ai vermi vivi, puoi dare loro piccoli pezzi di vongole anche congelati. Le vongole sono un alimento completo, costano poco e si trovano facilmente al supermercato. Il Chelmon rostratus ti ringrazierà vivamente. Puoi cercare di alimentarlo anche con mysis.

Chiedi di vederlo mangiare

Quindi, se vedi in negozio un Chelmon rostratus che ti sembra attento, che cerchi cibo in continuazione, non abbia scolorimenti o squame mancanti e non stia tremando chiedi al negoziante di dargli da mangiare. Se non mangia, non comprarlo. Non mi interessa se il venditore ti dice che ha appena acquistato l’esemplare, è stato appena alimentato, o è un po’ stressato dal trasporto, non comprarlo!

Acquario ideale per il Chelmon rostratus

Il pesce farfalla del rostro non è un pesce aggressivo, quindi compatibile in una vasca di comunità, a patto che tu non lo inserisca insieme ad altri pesci aggressivi. Tuttavia è un pesce territoriale, quindi non inserirlo insieme ad altri conspecifici. Può raggiungere la lunghezza massima di 20 centimetri, quindi deve essere inserito in vasca di almeno 280 litri a salire. Non è adatto in un acquario con coralli LPS perché potrebbe mangiarli e soprattutto con le Tridacne che verranno prontamente spolpate.

Un pesce rischioso, ma non impossibile

I Chelmon rostratus non provengono sempre da scogliere incontaminate, in quanto si trovano anche in insenature di maree lontane dalla barriera corallina. Sono raccoglitori costanti di cibo, e un acquario un po’ disordinato, nel quale possono cacciare e, si spera, trovare uno spuntino, è ideale per loro. Non voglio far sembrare che questo pesce sia il pesce più facile del mondo, non lo è affatto, ma non è nemmeno così difficile come un idolo moresco.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *