Allevare le Acropore in acquario: ecco tutto quello che devi sapere

Il corallo del genere Acropora, insieme ai coralli del genere Montipora, rappresentano un terzo di tutti i coralli della "barriera corallina". La maggior parte delle acropore si trova nelle barriere coralline del Pacifico, ma 3 specie si trovano nell'Atlantico.


Acropora spp.

Il corallo del genere Acropora, insieme ai coralli del genere Montipora, rappresentano un terzo di tutti i coralli della “barriera corallina“. I loro scheletri leggeri, l’alto metabolismo e i coralliti “assiali” specializzati provocano una rapida crescita. Il genere Acropora conta quasi 400 specie. La maggior parte delle acropore si trova nelle barriere coralline del Pacifico, ma 3 specie si trovano nell’Atlantico.

Il nome più comune per le Acropora è “corallo staghorn“. Questo nome è dato dalla forma ramificata che si adatta a molte delle specie di acropora. Per esempio, la arcinota Acropora Formosa, ad esempio, è un corallo ramificato. Ci sono molte altre forme che le Acropore assumono. Alcune hanno la forma appiattita, a colonne, creste, o cespugli.

Acropora in pillole

Il corallo del genere Acropora proviene dalla sottoclasse Zoantharia e dall’ordine Scleractinia. La famiglia Acroporidae fu eretta da Verrill nel 1902. Il nome scientifico Acropora spp. è accreditato a Oken nel 1815. Le Acropore abitano la maggior parte delle barriere coralline del mondo, in particolare nelle barriere coralline del Pacifico con solo 3 specie trovate nell’Atlantico. Si trovano nei pendii superiori della barriera corallina, dove la corrente è molto forte. Alcune specie si trovano anche in acque profonde e lagune.

acropora vs montipora
acropora vs montipora

I coralli del genere Acropora sono i coralli più grandi e più attivi per le formazioni coralline del mondo. Infatti, i coralli Acropora e Montipora, costituiscono un terzo di tutte le specie di coralli che formano la barriera corallina. In natura sono le più tolleranti in termini di temperatura dell’acqua, cambiamenti di salinità, movimento dell’acqua e illuminazione, ma in cattività possono rivelarsi molto difficili da mantenere. Nell’oceano, sono i primi ad arrivare a una scogliera e diffondersi rapidamente. Altri coralli che arrivano dopo, poi tendono a trasferirsi. Le specie di Acropora sono state propagate in cattività, contribuendo così a conservare le popolazioni selvatiche nelle barriere coralline del mondo.

Che aspetto hanno le Acropore?

I coralli del genere Acropora hanno un’enorme gamma di dimensioni, forme e colori. Altre caratteristiche fisiche includono la dimensione e la forma dei rami, la dimensione e la forma delle punte, le posizioni e il numero di rami secondari e molti altri fattori. La forma delle Acropore dipende dalla posizione in cui si trovano nell’oceano. Per esempio, i coralli di una specie situata in acque torbide saranno molto spessi, mentre quella stessa specie può essere lunga e sottile se trovata in acque più profonde con meno flusso d’acqua.

La Acropora ha strutture scheletriche molto porose e leggere. Le caratteristiche per dimensione, forma e colore derivano dai loro polipi. I polipi sulle punte delle specie ramificate secernono costantemente coralliti, formando una nuova crescita. Hanno polipi sia assiali che radiali per germogliare nuovi coralliti. Nelle Acropora spp., i coralli sono caratterizzati da polipi terminali (o assiali) a crescita rapida. Questi polipi terminali non hanno zooxantelle. Crescono rapidamente perché i polipi terminali sono alimentati dal resto della colonia. Questo permette alle Acropore di superare altri coralli sulla barriera corallina.

Le specie di Acropora in generale raggiungono la maturità sessuale entro 3-5 anni, con un diametro del ramo di 4 – 7 cm. La maggior parte dei coralli del genere Acropora crescono fino a 51 cm, ma a seconda della specie alcuni possono arrivare anche fino a 3 metri vivendo dai 4 ai 7 anni.

Colori dei coralli del genere Acropora: i polipi radiali

Le Acropora si trovano in quasi tutti i colori immaginabili. Il colore dei loro rami deriva dalle zooxantelle, che risiedono all’interno dei polipi radiali. Le zooxantelle hanno una vasta gamma di pigmenti, inclusi i pigmenti fluorescenti. I polipi radiali nascono regolarmente ma possono assumere una varietà di forme. Le punte dei rami a crescita rapida sono generalmente pallide, poiché non sono ancora sature di zooxantelle. L’Acropora è disponibile in tutti i colori, ma può cambiare radicalmente a seconda dell’ambiente. Un corallo verde acquistato nel tuo negozio di fiducia, può risultare marrone dopo che è stato acclimatato nel tuo acquario. E viceversa, un corallo marrone potrebbe diventare verde dopo averlo portato a casa.

Forme dei coralli del genere Acropora: i polipi assiali

La maggior parte delle Acropore cresce in modo arborescente, alcune anche in maniera tabulare o laminare. Le più comuni forme di crescita sono:

  • Tabulare (a forma di tavola): ha rami brevi che si estendono verso l’alto per formare una struttura piatta simile a una tavola. La superficie è perfettamente piatta in natura. Alcuni di questi coralli crescono così velocemente, che possono facilmente finire per ombreggiare i coralli sotto di loro.
  • Cluster (a grappolo): l’acropora a grappolo cresce in grappoli di varie dimensioni che assomigliano al cavolfiore e talvolta è irregolare.
  • Arborescente (a rami): l’acropora Staghorn ha rami distinti che sembrano corna. Si dice che le acropore con rami spessi siano più difficili da mantenere rispetto a quelle con rami sottili.
  • Cespitoso: i coralli cespitosi hanno molti rami strettamente compattati e sembrano cespugli.
  • Corimboso: con rami a forma di clava.
  • Digitata: a forma di dita.
  • Bottlebrush (a forma di bottiglie): hanno rami laterali corti.
  • Lastriforme: queste acropore hanno la forma di piastre, di solito con “protuberanze” piuttosto che rami che si estendono verso l’esterno.

La corallite assiale è un’evoluzione di questi coralli che consente una crescita molto rapida. Questi polipi mantengono la colonia strettamente interconnessa con la crescita coordinata, sono nutriti dal resto della colonia che fornisce una crescita rapida e consentono alle specie di formare le forme più vantaggiose. I coralliti assiali sono di forma tubolare. Questi polipi non contengono zooxantelle, quindi non contribuiscono al colore. Esistono oltre una dozzina di forme di crescita per le Acropora. Quelle specie comunemente disponibili per gli acquariofili sono generalmente una delle seguenti:

Tipi di corallo

I seguenti sono alcuni dei coralli del genere Acropora più conosciuti:

  • Acropora austera = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora bushyensis = Acropora cespugliosa
  • Acropora cervicornis = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora cytherea = Acropora Tabulare l
  • Acropora elseyi = corallo pennello
  • Acropora florida = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora formosa = Acropora o arborescente
  • Acropora humilis = Cluster Acropora
  • Acropora hyacinthus = Lastriforme
  • Acropora microphthalma = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora millepora = Cluster
  • Acropora nasuta = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora nobilis = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora paniculata = Tabulare
  • Acropora prolifera = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora tenuis = Acropora ramificata o arborescente
  • Acropora verweyi = Cluster
  • Acropora valida = Cespugliosa
  • Acropora yongei = Acropora ramificata o arborescente

Mantenere i coralli Acropora

I coralli duri sono più esigenti e richiedono uno sforzo in più dei coralli molli. Quindi, mantenere i coralli duri è di per sé un passo in più rispetto ad un per principianti o una vasca con solo coralli molli.

Avere esperienza con l’acquario marino è di inestimabile importanza per mantenere con successo i coralli duri. Con alcuni degli abitanti meno esigenti puoi affinare le tue abilità. Con il desiderio di apprendere tecniche specifiche di allevamento e la volontà di acquistare l’attrezzatura adeguata, chiunque può mantenere un acquario di barriera ricco di SPS. Ovviamente l’acquariofilo deve investire il proprio tempo (e denaro) nella cura di questi animali unici.

acquario sps

A causa dei requisiti più stringenti, mantenere le Acropora non è raccomandato ai principianti. Sono i coralli più sensibili quando si tratta di cambiamenti di temperatura e si sbiancano molto facilmente se la luce è troppo bassa, o il movimento dell’acqua non è sufficiente. L’Acropora ama il movimento dell’acqua da medio a forte e preferisce un flusso turbolento. Richiede una forte luce led, T5 o HQI. Non sono difficili da mantenere fintanto che questi requisiti vengono soddisfatti insieme al mantenimento di calcio, stronzio e oligoelementi.

Ci vogliono dai 5 ai 6 mesi per le specie di Acropora per osservare i loro normali tassi di crescita dopo essere stati inseriti in un acquario.

Valori ideali per le Acropore

Le bottlebrush e le Acropora a rami sottili sono considerati i più tolleranti delle condizioni dell’acquario. Le Acropora tabulari sono le più difficili da mantenere in un acquario domestico. Il tipo di staghorn, come l’Acropora formosa, si trova in una posizione intermedia tra i due. L’Acropora deve essere attentamente acclimatata alla loro nuova casa. Devono essere collocati nella loro posizione permanente dopo l’acclimatazione. Spostare le Acropora da un posto all’altro li stresserà.

La presenza di alcuni pesci per la produzione di materia organica aiuterà le acropora a vivere meglio. Gli acquari devono avere almeno un anno di vita, stabili e con livelli di nitrati molto bassi. Fornire livelli di luce elevati (si consigliano alogenuri metallici), un intervallo di temperatura di da 22,2 a 28 C, salinità (gravità specifica) di 1,023-1,025 e un movimento dell’acqua forte e impetuoso. Sono necessari cambiamenti dell’acqua del 10% ogni 2 settimane, anche se si suggerisce che fare il 5% di cambi d’acqua una volta alla settimana porterà a risultati sorprendenti. Mantenere i livelli di nitrati bassi. I livelli suggeriti per le specie di Acropora sono:

  • Calcio: da 400 a 450 ppm (più vicino a 450). Se l’Acro non ha abbastanza calcio, non crescerà. Non ci sarà recessione tissutale, ma i polipi saranno estesi.
  • Alcalinità: da 8 a 10 dKh – 10.
  • Fosfati: 0, zero. I fosfati sono i peggiori di tutti e ogni coralli li odia.
  • Magnesio: 1350-1500. Il magnesio rende il calcio disponibile, quindi se il tuo calcio è basso, controlla i livelli di magnesio prima di aggiungere altro calcio.
  • Stronzio: 10

Vedi ogni singolo corallo per maggiori informazioni.

Alimentare le Acropore

In natura, le Acropora hanno sviluppato diverse strategie di alimentazione per aumentare la loro sopravvivenza in acque povere di nutrienti. Questi coralli hanno una relazione simbiotica con un’alga marina conosciuta col nome di zooxantelle da cui ricevono la maggior parte dei loro nutrienti. Con le zooxantelle, possono sopravvivere principalmente con poco più della luce solare, dell’acqua e dell’ossigeno. Hanno anche altre strategie di alimentazione, come catturare organismi planctonici e ingerire particelle alimentari microscopiche. Questa alimentazione viene effettuata di notte, quando l’acqua si muove, passando dal pavimento alla superficie trasportando materiale particolato. Possono anche assorbire la materia organica disciolta.

alimentare acropora

In cattività, l’alimentazione di zooplancton una volta alla settimana è la scelta migliore. Copepodi, Artemia saline e nauplii sono troppo grandi per essere ingeriti. Ma si stanno sviluppando nuove forme di prede, come le larve di invertebrati e nuovi ceppi di rotiferi. Ecco una guida utile per l’alimentazione dei coralli.

Compatibilità e comportamenti sociali

I coralli del genere Acropora sono tranquilli, ma attenzione ai granchi. È consigliabile allevare le acropore in un acquario di SPS con solo altri coralli SPS. Possono inviare filamenti digestivi chiamati “acontia” che sono effettivamente usati per digerire i coralli vicini, quindi tieni d’occhio qualsiasi tipo di problema.

Non tenere i coralli di cuoio con le tue Acropore poiché sono aggressivi e con i loro terpeni uccideranno i tuoi costosi investimenti. I coralli di cuoio sono pericolosi per le Acro, anche nei migliori acquari filtrati. Alcuni coralli LPS possono allungare i loro tentacoli e uccidere anche le tue acro, quindi è necessaria cautela se si dispone di un acquario marino misto.

Riproduzione

Le Acropora Sp. possono riprodursi sia sessualmente che asessualmente. In natura si riproducono sessualmente rilasciando allo stesso tempo uova e spermatozoi, producendo un ovulo fecondato che poi si trasforma in una larva di planula a nuoto libero. Alla fine le larve di planula si depositano sul substrato, diventando plancton. Questo quindi forma un piccolo polipo che inizia a espellere il carbonato di calcio e si sviluppa in un corallo. Le larve di Planula sono estremamente vulnerabili alla predazione e pochissime sopravvivono. In natura le Acropore si riproducono anche asessualmente. I polipi sulle punte delle specie ramificate secernono corallini su loro stessi, formando rami più lunghi. Le Acropore si riproducono anche per rottura dovuta a tempeste e frammentazione.

La propagazione è piuttosto semplice per i coralli del genere Acropora. Per prima cosa devi scegliere un corallo sano che non mostri alcun segno di sofferenza. Quindi, basta tagliare un ramo di almeno 2 centimetri di lunghezza e incollare il frammento su una basetta o direttamente sulla roccia. È possibile utilizzare colla epossidica bicomponente. Ecco una guida utile per la taleazione dei coralli.

Malattie delle Acropore

sbiancamento dei coralli

Ci sono vari disturbi che possono subire questi fantastici SPS. Qui ci sono alcuni disturbi Più comuni e alcuni trattamenti che possono aiutare:

  • Necrosi tissutale rapida (RTN)

I coralli spinosi hanno una particolare suscettibilità alla necrosi tissutale rapida. Questa è la perdita o la desquamazione del tessuto dallo scheletro. Le cause possono essere praticamente qualsiasi cosa, come qualsiasi sbalzo di temperatura, salinità o illuminazione. La necrosi tissutale rapida (RTN) è facile da identificare, se il corallo inizia a perdere la carne dal basso verso l’alto, ne è affetto. Un modo per aiutare l’acropora affetta da RTN è quello di frammentare il corallo. Spezzala molto prima del deterioramento, risparmiando le punte o i rami.

  • Malattia “banda nera”

La malattia denominata banda nera è caratterizzata da una completa degradazione del tessuto del corallo causato da un gruppo microbico patogeno che appare sotto forma di macchia rosso scuro o nero. Per combattere la malattia “banda nera” e prevenire la necrosi, i coralli possono essere trattati con tetraciclina a 10 mg per litro.

  • Sbiancamento

Lo sbiancamento dei coralli è l’espulsione di massa delle zooxantelle. Qualunque cosa può innescarlo e generalmente prenderà di sorpresa l’acquariofilo. Il corallo è ancora vivo ma con un tessuto leggermente pigmentato; non sarà bianco puro. Per evitare lo sbiancamento se il tuo acquario subisce un aumento di temperatura, abbassa le luci. Cosicché le zooxantelle non saranno espulse senza controllo. Una volta che lo sbiancamento si verifica, ha una possibilità di guarigione completa del 50%. Il corallo sarà comunque soggetto a malattie da questo momento.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *