Alimentare i coralli in acquario marino: nozioni base

Alimentare i coralli nei nostri acquari di barriera è sia un'arte che una scienza. I biologi marini studiano i coralli nel loro ambiente naturale, in condizioni “perfette”. Noi acquariofili marini usiamo i loro risultati di ricerca per fornire ai nostri acquari di barriera le migliori condizioni possibili.


alimentare i coralli

Alimentare i coralli nei nostri acquari di barriera è sia un’arte che una scienza. I biologi marini studiano i coralli nel loro ambiente naturale, in condizioni “perfette”. Noi acquariofili marini usiamo i loro risultati di ricerca per fornire ai nostri acquari di barriera le migliori condizioni possibili. Abbiamo percorso una lunga strada per imparare a prenderci cura dei nostri coralli.

La crescita dei coralli richiede energia. L’energia proviene dal cibo. Scopriamo ciò che serve per la nutrizione dei coralli e come dar loro da mangiare.

Anche i coralli fotosintetici hanno bisogno di cibo

I coralli fotosintetici contengono alghe nei loro tessuti. Le alghe nel tessuto dei coralli, raccolgono energia dalla luce e producono sostanze nutritive che vengono assorbite dai coralli. Queste alghe conosciute come Zooxantelle, forniscono una parte dell’energia che serve al corallo per sopravvivere. Tuttavia, anche i coralli fotosintetici necessitano di più energia di quanto le alghe possano fornire. Gli studi dimostrano che i coralli hanno bisogno di fonti di cibo in più per formare nuovi tessuti, riparare i tessuti danneggiati e per la riproduzione sessuale. I polipi corallini cattureranno il plancton fluttuante, le uova di pesce, le cellule di alghe. Insomma, quasi tutto ciò che possono afferrare con i loro tentacoli.

zooxantelle

I coralli inviano anche reti di muco appiccicose. Queste reti catturano batteri e frammenti di detriti organici, che vengono assorbiti e digeriti. Il terzo metodo di alimentazione è l’assorbimento di composti organici disciolti nell’acqua, così come gli oligoelementi, calcio e magnesio. I biologi marini hanno scoperto che i coralli fotosintetici ottengono circa il 60% della loro energia dalle alghe (fotosintesi), il 20% dall’acquisizione di alimenti galleggianti e il 20% da composti organici disciolti assorbenti. Nei coralli privi di zooxantelle, l’alimentazione deve essere compiuta dai polipi, dal muco e assorbita dall’acqua. Questi coralli sono molto difficili da mantenere in vita per la maggior parte degli acquariofili di barriera. Ciò potrebbe essere dovuto alle difficili esigenze di alimentazione di queste specie. Tutta la loro alimentazione avviene per cattura ad opera dei loro polipi, dal muco e assorbita dall’acqua.

Cura per alimentare i coralli

I coralli della barriera corallina si nutrono di crostacei microscopici, chiamati zooplancton. Queste minuscole creature simili a gamberetti forniscono la nutrizione extra  ai coralli, necessari per crescere e riprodursi. Molti acquariofili allevano direttamente in casa zooplancton per nutrire i loro coralli. Questo di solito richiede che crescano le alghe per nutrire lo zooplancton, prima di darle in pasto ai coralli.

Zooplancton - hyperia macrocephala

Zooplancton – hyperia macrocephala

 

Ciò può diventare piuttosto complicato per un acquariofilo principiante. Un modo più semplice è quello di schiudere le uova di artemia salina. Questi piccolissimi gamberetti sono facilmente “iniettabili” in vasca o direttamente sui coralli. Un altro metodo è quello di posizionare un piccolo pezzo di gamberetto o altri alimenti carnosi direttamente sui polipi corallini. Il corallo estenderà i suoi tentacoli, afferrerà il cibo e lo tirerà in bocca. I coralli possono percepire o “assaggiare” il cibo che si trova nelle vicinanze. Molti degli alimenti liquidi e in polvere stimoleranno i coralli ad aprire i loro polipi e ad estendere i loro tentacoli, per agevolare l’alimentazione.

nutrire i coralli, la guida

Gli alimenti per coralli già preparati, contengono formule brevettate, molti contengono vitamine, amminoacidi, oligoelementi, alghe e zooplancton. Alcune formule più complesse contengono uova di ostriche e una varietà di zooplancton come i copepodi, rotiferi e gamberetti d’artemia. L’alimentazione mirata, con un lungo tubo o una pipetta posta vicino ai polipi, è probabilmente la tecnica per alimentare i coralli più consona. Piuttosto che versare molto cibo e sostanze nutritive nell’acqua, l’alimentazione a bersaglio destinerà una piccola quantità di cibo proprio alla bocca del corallo. Questa tecnica riduce notevolmente la quantità di cibo non data ai coralli che andrebbe ad inquinare l’acqua. Ti consiglio inoltre di integrare, con nutrienti liquidi o in polvere, calcio, magnesio, iodio e stronzio. Questi elementi sono essenziali per formare e tenere in salute lo scheletro e nuovi tessuti dei coralli.

Quando devo nutrire i coralli?

La notte è il momento in cui devi alimentare i coralli. In natura lo Zooplancton esce e inizia a nuotare attorno ai coralli. Le correnti mantengono sospeso il cibo, permettendo ai tentacoli dei coralli di catturarlo. Idealmente dovresti nutrire i tuoi coralli la sera, in condizioni di scarsa illuminazione. Molti acquariofili spengono le pompe di movimento in modo che il cibo non venga spazzato via. La ricerca ha dimostrato che i coralli si alimentano anche con le luci accese. È divertente vedere i propri coralli nutrirsi alla luce o al buio, osservando i comportamenti di alimentazione di ogni tipo di corallo. Ricordati di riaccendere le pompe dopo che il periodo di alimentazione è terminato! Probabilmente vedrai, comunque, che i coralli nella tua vasca si adatteranno al tuo programma.

Quanto alimentare i coralli?

Troppo cibo semplicemente andrà sprecato. Un eccesso di cibo porterà inevitabilmente l’acquario ad essere colmo di brutte e fastidiose alghe e a picchi di nitrati. Molti acquariofili alimentano una volta al mese, altri tutti i giorni. L’approccio migliore è quello di alimentare i coralli in piccole quantità una o due volte a settimana e vedere come i coralli reagiscono per diverse settimane. Parte del divertimento dell’acquario marino di barriera è scoprire come i vostri coralli rispondono alle cure. Prendila con calma e presto capirai sia le dosi che le tempistiche che preferiranno i coralli che hai in vasca.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *