Alghe marine: la guida definitiva per controllarle e debellarle

Il controllo delle alghe marine è probabilmente il più grande problema affrontato dagli acquariofili. Anche se potrebbe sembrare un compito noioso e impossibile tenere le alghe fuori dal tuo acquario, è molto più facile di quanto pensi!


alghe marine guida

Il controllo delle alghe marine è probabilmente il più grande problema affrontato dagli acquariofili. Anche se potrebbe sembrare un compito noioso e impossibile tenere le alghe marine fuori dal tuo acquario, è molto più facile di quanto pensi! Non ti ammattire per le alghe che si formano nel tuo acquario. Potrebbero non essere le cose più terrificanti in circolazione, anche se la loro presenza può essere una seccatura per i tuoi pesci e può distruggere il loro ambiente di vita se non tenute adeguatamente sotto controllo.

Le basi: la scienza dietro la crescita delle alghe

Le alghe marine sono piante incredibili da studiare e da cui imparare, anche se probabilmente non sono le cose più belle da avere in acquario. Crescono, sopravvivono in condizioni estreme e si diffondono rapidamente, il tutto senza tante storie.

A causa di questa loro natura altamente adattabile è piuttosto difficile tenere sotto controllo la crescita algale. Vedete un po’ di alghe crescere nella vasca un giorno e prima che te ne accorga tutto il tuo acquario è pieno e non hai idea di come liberartene!

Le alghe marine crescono principalmente a causa dell’alta quantità di nutrimento e della disponibilità di luce nell’acqua dell’acquario. Proprio come qualsiasi altra pianta, le alghe hanno bisogno di luce per sopravvivere. La fotosintesi gioca un ruolo chiave nella crescita e sopravvivenza delle alghe. La gente spesso ci chiede: “Metto acqua pulita e purificata e la pulisco spesso, ma come fanno le alghe a entrare nella mia vasca ?”

Bene, la risposta a questa domanda è davvero semplice. Le spore che provengono dall’aria e anche i batteri presenti nell’acquario, di cui i pesci hanno bisogno per sopravvivere, fanno crescere i batteri. Proprio come abbiamo bisogno di batteri buoni nei nostri corpi per svolgere varie funzioni, anche i pesci nel tuo acquario richiedono batteri buoni come parte del loro ecosistema.

Alcuni pesci sporcano molto e tendono a lasciare molti batteri. Questo, insieme al cibo per pesci che non viene consumato, causa la diffusione dei batteri. Quando questi batteri sono esposti alla luce, provocano la crescita di alghe indesiderate.

Una volta che queste alghe crescono, è molto facile che si diffondano senza alcun preavviso. La presenza di sostanze nutritive può accelerare la crescita delle alghe nell’acquario. In primo luogo, il fosforo insieme ad alcune quantità di azoto sono i fattori principali per la crescita delle alghe.

Il fosforo proviene da molte fonti, una delle quali è l’acqua riempita nell’acquario. Un’altra fonte di fosforo è il cibo e il sale marino. Se si pulisce regolarmente la vasca e si filtra l’acqua, potrebbe esserci un altro motivo per cui le alghe marine crescono nell’acquario.

Controlla i dati del tuo acquario

Se non stai tenendo traccia del pH nell’acqua, potrebbe essere un’altra ragione per cui stai vedendo le alghe diffondersi rapidamente. L’alto pH potrebbe essere un’altra causa della crescita delle alghe. Prova l’acqua salata con un kit per il test del pH o porta un campione della tua acqua al più vicino negoziante di acquariofilia per un test. Il livello di pH ideale per gli acquari marini è compreso tra 7,6 e 8,4.

I livelli di pH possono variare a seconda della quantità di anidride carbonica presente nell’acqua. La quantità di anidride carbonica è inversamente proporzionale al livello di pH nell’acqua. Più alto è il biossido di carbonio, più basso è il livello di pH e viceversa.

Perché le alghe marine possono essere così fastidiose

Sebbene non tutte le alghe siano cattive, possono essere abbastanza problematiche se non controllate correttamente. Le alghe possono essere la causa di molti sottoprodotti tossici che possono danneggiare non solo i pesci nel tuo acquario ma anche i coralli.

Oltre a non essere presenti in elenco tra le cose più belle da guardare, le alghe possono causare un grave squilibrio nell’ecosistema che può portare alla distruzione dell’ecosistema stesso.

Il fatto di non tenerle sotto controllo può anche comportare un notevole dispendio di tempo nella manutenzione e nella cura dell’acquario, che può essere facilmente evitato con un sistema adeguato per evitare la crescita di tali batteri. Alcune di queste alghe marine possono essere tossiche in natura causando varie malattie dannose per i pesci o addirittura la morte dei tuoi amici pinnuti.

Importanza delle alghe in acquario marino

Come ho affermato in precedenza, non tutte le alghe marine sono alghe cattive. Le macro alghe (alghe buone) richiedono gli stessi nutrienti di cui necessitano le micro alghe (alghe cattive). Pertanto, avere macroalghe tiene a bada le micro alghe poiché combattono per le stesse sostanze nutritive.

Oltre a mantenere le micro alghe a livelli minimi, le macro alghe hanno anche alcuni vantaggi. Le macroalghe infatti, assorbono i nutrienti in eccesso presenti in acquario che ne impediscono il consumo da parte delle micro alghe. Usando questi nutrienti in eccesso, produce microbi che sono utili per l’ecosistema dell’acquario.

Queste alghe producono anche ossigeno, limitano l’anidride carbonica e mantengono livelli di pH che sono utili per il mantenimento della salute generale dell’acquario. È difficile mantenere il giusto equilibrio tra la limitazione della crescita delle microalghe e allo stesso tempo stimolare la crescita delle macroalghe. Essendo molto importante, questo argomento sarà trattato più avanti in questo articolo.

Tipi di alghe marine

Ci sono vari tipi di alghe marine che possono crescere nel tuo acquario. Un punto interessante da notare è che molte cosiddette “alghein realtà non sono nemmeno alghe, sono batteri. Assomigliano molto alle alghe, come struttura, ma non sono davvero alghe.

Non sono come le tue piante convenzionali, non hanno radici, gambo, foglie o altri organi vitali che le piante hanno, ma sono ancora in grado di fotosintetizzare.

Diamo un’occhiata ad alcune delle forme più comuni di alghe marine che puoi trovare nel tuo acquario.

Alghe rosse o macroalghe (rodofite)

alghe rosse

Le alghe rosse o macroalghe sono le alghe buone di cui abbiamo discusso in precedenza. Crescono a foglie e sono generalmente morbide e flessibili in natura. Le alghe rosse tendono a crescere sulle rocce vive, altre forme di alghe o persino piante.

A differenza delle alghe brune, non vedrai mai le alghe rosse galleggiare nell’acqua, si attaccano sempre a qualcosa.

Dinoflagellati

Si tratta di alghe unicellulari che si presentano in vari colori, dal verde chiaro, al marrone scuro fino all’incolore! Questo li rende molto difficili da identificare e ancora più difficile da rimuovere.

dinoflagellati

I dinoflagellati sono tossici in natura e sono dannosi per l’ambiente dell’acquario. A causa della loro natura tossica, è importante verificare costantemente lo stato di salute dell’acqua nell’acquario, eseguire regolarmente la pulizia manuale, cambiare l’acqua e controllare i livelli di carbonio per tenerli sotto controllo.

Diatomea (Bacillariophyta/Alga bruna)

Le diatomee o le alghe brune hanno scheletri croccanti e duri e sono una delle poche alghe adatte all’acquario. Producono ossigeno, limitano l’anidride carbonica e producono anche alimenti che possono essere consumati dai pesci.

diatomee acquario marino

Le diatomee hanno una forma che può disturbare l’ambiente dell’acqua, è di colore bruno-dorato e possono essere facilmente controllate limitando i nutrienti nell’acquario.

Cianobatteri

I cianobatteri sono di natura viscida e se non sono controllati possono essere un grande problema per il tuo acquario. Aiutano con il fissaggio di azoto che aumenta la crescita di molte altre alghe indesiderate. Questi in realtà, sono una forma di batteri e non un’alga.

cianobatteri in acquario

Alghe verdi (alghe dei capelli)

Le alghe verdi, come suggerisce il loro nome, sono alghe che sembrano molto simili a piccoli capelli. Sono generalmente di colore verde, ma variano nelle tonalità dal verde chiaro al verde scuro.

alghe verdi

Essendo di colore verde e simili ai capelli, tendono a sembrare un tappeto d’erba mentre iniziano a crescere e a diffondersi. È probabile che crescano sulle rocce del tuo acquario.

Valonia

Queste alghe di colore verde sono abbastanza diverse dalle altre alghe a causa della forma a bolla che prendono. All’interno della bolla, sono presenti migliaia di spore, quindi se ti capita di commettere l’errore di far scoppiare una delle bolle, ti ritroverai con un grande problema tra le mani. Le alghe si diffonderanno molto rapidamente e saranno difficili da contenere. Se si rimuovono con cura le alghe a bolle, non causeranno troppi danni all’ambiente.

alghe a bolle

Alga Bryopsis

Alga Bryopsis

Potresti scambiare queste alghe verdi per le alghe durante le fasi iniziali di crescita, ma dopo che inizieranno a crescere vedrai che sembrano più felci. Tendono a crescere su rocce come le alghe rosse.

Alghe Caulerpa

Alga Caulerpa

Le alghe Caulerpa, come la maggior parte delle altre alghe marine, sono di colore verde. Hanno delle foglie che crescono dai suoi steli e che le fanno sembrare molto simili alle alghe Bryopsis. Una volta entrate nell’acquario si diffondono molto velocemente poiché possono riprodursi sia sessualmente che asessualmente.

Prevenzione e controllo delle alghe

Se si desidera mantenere un ambiente salutare in cui far prosperare la vita marina, è necessario garantire il corretto equilibrio delle alghe nel proprio acquario marino.

È importante lasciare crescere le macro (buone) alghe e limitare la crescita delle micro (cattive) alghe. In questo modo si garantirà un ambiente sicuro e ideale per i pesci e le piante in cui vivere e renderà il tuo acquario pulito e sano.

Diamo un’occhiata a come possiamo sbarazzarci di questi fastidiosi organismi.

Mantenere l’acqua pulita

La manutenzione regolare dell’acqua per i pesci è molto importante in quanto la maggior parte della crescita delle alghe deriva dalla mancata manutenzione. È necessario assicurarsi che l’acqua salata sia pulita e filtrata prima che entri in vasca. Il mantenimento dell’acqua pulita garantisce il controllo del livello di fosfati e nitrati. Garantirà inoltre che i livelli di pH rimangano al giusto livello.

Manutenzione regolare dell’acquario

La regolare manutenzione dell’acquario è sicuramente uno dei modi più importanti per mantenere un ambiente pulito e sano. Pulisci l’acquario una volta alla settimana per rimuovere la formazione di alghe, pulisci anche l’attrezzatura comprese le pareti della vasca e la tecnica, mantenendo sotto controllo i livelli di pH e assicurandoti che non vi siano accumuli di fosfati e nitrati per mantenere l’acquario pulito e privo di sostanze tossiche.

Periodo di illuminazione adeguato (fotoperiodo)

Il periodo di illuminazione o fotoperiodo come è noto dovrebbe essere mantenuto tra 8 e 10 ore al giorno per garantire che non solo le piante, le macroalghe e i pesci ottengano l’illuminazione richiesta, ma limitino anche l’illuminazione in modo da evitare la crescita di microalghe. Avere più illuminazione rispetto al periodo prescritto significa che le alghe marine indesiderate avranno le risorse necessarie per crescere e diffondersi. Quindi, devi assicurarti di mantenere il giusto equilibrio avendo la luce solo da 8 a 10 ore al giorno.

Usa il mix di sale marino giusto

L’uso della giusta miscela di sali marini può fare molto per evitare che le alghe si insinuino nel tuo acquario. Non comprare miscele di sale marino a buon mercato per risparmiare qualche soldo dato che questo significa che i mix di sale marino non faranno il loro lavoro come dovrebbero e finirai a dover spendere di più per sistemare le cose.

Le miscele di sale marino ti aiuteranno a mantenere l’ecosistema ideale per il tuo acquario. Buone miscele di sale marino avranno adeguate quantità di calcio, alcalinità e livelli di pH che aiuteranno a mantenere il perfetto equilibrio. Sono completamente esenti da nitrati e fosfati, che sono le principali cause della crescita delle alghe negli acquari.

Miscele di sale marino leggermente più costose offrono elevate quantità di calcio e alcalinità che contribuiscono ulteriormente a migliorare l’ambiente dell’acquario e prevengono la crescita delle alghe.

Refugium

I refugium sono ottimi per migliorare la qualità della vita nel tuo acquario marino. Svolgono un ottimo lavoro nel mantenimento dei livelli ideali di ossigeno, livelli di pH, pulizia dell’acqua e riduzione dei livelli di nitrati. Funzionano principalmente posizionando le piante nel filtro che svolgono il compito di assorbire i nitrati e quindi di affamare le alghe presenti nell’acquario. Attraverso questo vengono rimosse molte sostanze chimiche non necessarie che possono causare la crescita di alghe, ma non sono necessarie per la vita marina nel tuo acquario.

I refugium sono un modo fantastico e naturale per mantenere il giusto equilibrio nell’acquario. Oltre ad essere un ottimo modo naturale per tenere pulito l’acquario da sostanze chimiche indesiderate, sono anche un ottimo alimento per la vita marina nel tuo acquario, giocando così più di un ruolo importante nel mantenere il tuo acquario pulito e sano.

Schiumatoio

Una delle più importanti attrezzature di filtrazione per acquari marini, riguarda lo schiumatoio. Svolge un ruolo molto importante nell’acquario, eliminando le sostanze indesiderate. Sebbene molti neofiti la trovino una spesa “non necessaria“, alla fine scopriranno quanto sia importante il ruolo che svolge nel mantenere l’acqua pulita nel sistema. Ciò che rende lo schiumatoio ​​così importante e diverso dagli altri componenti del sistema di filtrazione è che lo schiumatoio ​​filtra continuamente rifiuti organici indesiderati che si accumulano nel tempo da varie fonti nell’acquario. È ottimo nel limitare l’eccesso di vitamine e minerali che aiutano la crescita delle alghe nell’acquario attraverso il suo processo di filtrazione.

Rocce vive

Le rocce vive non sono solo esteticamente belle, ma servono anche allo scopo di tenere a bada alcuni elementi che promuovono la crescita delle alghe.

Queste rocce svolgono un ottimo lavoro nell’assorbire i nitrati e i fosfati in eccesso accumulati assorbendoli e trattenendoli come una spugna. Collocando una roccia viva curata impedirai che i livelli di nitrati e fosfati vadano fuori controllo.

Avere il substrato giusto

Il substrato è il materiale che trovi sul fondo dell’acquario. Consiste principalmente di ghiaia e sabbia, forniscono i batteri buoni necessari per il benessere della vita acquatica, aumentano i livelli di calcio e pH.

L’acqua salata e l’acqua dolce hanno diversi substrati progettati specificamente per quel particolare ambiente, quindi assicurati di scegliere quello giusto quando esci per acquistare il tuo substrato.

Composti per la rimozione dei fosfati

I fosfati possono causare grossi problemi se la loro presenza non è controllata correttamente. Al fine di assicurarsi che i fosfati in eccesso siano completamente rimossi dall’acquario, è necessario introdurre composti di rimozione fosfati per controllarli. Il principale problema con l’eccesso dei fosfati è che non solo è una delle migliori fonti di nutrienti per le alghe indesiderate, ma inibisce anche la calcificazione che impedisce la crescita di coralli. Il problema principale è che il fosfato viene rapidamente assorbito dalle alghe e quindi non viene visualizzato nei test.

Controlli di routine

Effettuare un controllo di routine sull’acquario risolve eventuali problemi con il tuo equipaggiamento o altri componenti prima che le cose vadano fuori controllo e inizi a causare grossi problemi. Si consiglia un controllo accurato ogni due settimane, ma se non si ha il tempo, cercare di farlo almeno una volta al mese per assicurarsi che tutto funzioni senza intoppi.

Attrezzatura di buona qualità

L’acquisto di attrezzature di buona qualità può essere costoso nel breve periodo ma ti farà risparmiare un sacco di soldi e tempo nel lungo periodo. Un’attrezzatura di buona qualità significa che le vostre attrezzature non dovranno essere riparate regolarmente. Significa anche che ciascuna apparecchiatura eseguirà perfettamente il lavoro richiesto, aiutando con il mantenimento di un ecosistema perfetto all’interno dell’acquario marino.

Le probabilità di fioritura delle alghe saranno drasticamente ridotte con una buona attrezzatura in quanto i filtri svolgeranno un buon lavoro mantenendo l’acqua pulita da sostanze nutritive eccessive e mantenendo così le alghe a bada.

Dosaggio del carbonio

L’aggiunta di fonti organiche di carbonio favorisce la crescita di batteri buoni nella vasca che crescono in un periodo di tempo e iniziano a consumare i nitrati e i fosfati all’interno dell’acquario. Mentre questo sta accadendo, lo schiumatoio entrerà in azione rimuovendo i batteri dall’acqua e anche i nitrati e i fosfati con esso.

Affinché questa configurazione funzioni, è necessario assicurarsi di avere uno schiumatoio ​​che funzioni perfettamente. Se non lo fai, i batteri alla fine moriranno e rilasceranno i nitrati e i fosfati nell’acqua.

Ci sono varie fonti di carbonio ed è bene iniziare a bassi livelli e aumentare lentamente il dosaggio a seconda delle esigenze. Controlla attentamente i livelli di nitrati e fosfati prima di aumentare il dosaggio.

A seconda della fonte di carbonio scelta, può influenzare anche altri parametri dell’acqua, come i livelli di alcalinità / pH. Pertanto, devi tenere un controllo regolare su queste cose quando stai dosando il carbonio nel tuo acquario.

Introduci macroalghe

Le macroalghe sono le alghe buone di cui abbiamo parlato prima. Quando condividono lo stesso ambiente con le microalghe, entrambi combattono per gli stessi nutrienti necessari per la crescita. Introducendo le macroalghe nell’acquario, assorbiranno l’eccessivo accumulo organico nell’acquario insieme ai nitrati e ai fosfati che richiede per la crescita.

Oltre a prendere le sostanze nutritive in eccesso nell’acqua, le macroalghe sono una grande fonte di cibo per molti pesci marini.

Controllare l’aggiunta di cibo

Per quanto tu ami le creature acquatiche nel tuo acquario e vuoi essere sicuro che siano nutriti bene, devi anche tenere presente che qualsiasi cibo eccessivo che non viene consumato da loro porterà alla formazione di nitrati e fosfati che invitano fondamentalmente le alghe marine a venire e a prendere campo nel tuo acquario.

Aggiungi la giusta quantità di cibo che è richiesta dai pesci e non commettere l’errore di aggiungere cibo in eccesso a meno che tu non sia dell’umore giusto per fare alcune pulizie di alghe nel prossimo futuro.

Questo è uno sguardo approfondito ad alcune delle migliori pratiche di prevenzione e controllo per aiutarti a prevenire e controllare la crescita delle alghe nel tuo acquario marino.

Se riesci a farlo regolarmente, avrai un acquario pulito senza preoccupazioni per la crescita delle alghe e per il controllo dell’acquario.

Conclusione

In questa guida definitiva per il controllo delle alghe marine hai imparato a conoscere:

  • Perché e come crescono le alghe marine nel tuo acquario,
  • Quali sono i tipi di alghe marine
  • Cosa puoi fare per arrestarne la crescita mentre permetti ancora alle alghe marine buone di crescere.

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *