Acquario di quarantena: 10 Domande e risposte per convincerti a farne uno


acquario di Quarantena

Gli acquari di quarantena dovrebbero essere usati dagli acquariofili quando si introducono nuovi pesci in vasca, ma sono purtroppo utilizzati da meno del 5% di tutti i proprietari di acquari. Ogni volta che inseriamo un nuovo abitante nel nostro acquario, corriamo il rischio di introdurre agenti patogeni e parassiti.

Allo stesso tempo, i nuovi pesci saranno stressati dal trasporto e trasferimento, quindi, sensibili a malattie o parassiti presenti nel nuovo ambiente. Un acquario di quarantena protegge il tuo ecosistema esistente consentendo al nuovo pesce di riacquistare vigore e salute ottimali prima del “trasloco” finale. Una vasca di quarantena è un pezzo fondamentale di equipaggiamento che dovrebbe essere usato da tutti gli acquariofili. In questo articolo sull’acquario di quarantena, risponderò a 10 domande che ti spiegheranno il perché anche tu dovresti assolutamente avere un acquario di quarantena in casa.

Cosa sono gli acquari di quarantena?

Gli acquari di quarantena sono essenzialmente acquari ausiliari installati insieme all’acquario principale. Sono spesso utilizzati per isolare il pesce malato o per osservare nuovi arrivi per ridurre lo stress dell’introduzione o diffusione di malattie / parassiti nell’acquario principale. Inoltre, l’area più piccola e meno competitiva facilita l’alimentazione. Un acquario da 100 litri sarebbe un acquario di quarantena versatile e perfetto per pesci sia d’acqua dolce che marini. A seconda del suo utilizzo, un acquario leggermente più grande o più piccolo funzionerà altrettanto bene.

Cosa è coinvolto nella creazione di un acquario di quarantena?

La creazione di acquari di quarantena non è sostanzialmente diversa da quella di un acquario “normale”. La differenza principale è che sono necessarie solo le attrezzature di base. Questo include un filtro, riscaldatore, termometro, illuminazione e forse una pompa d’aria. Poiché le vasche di quarantena sono un’estensione dell’acquario principale, i parametri dell’acqua come la temperatura e il pH dovrebbero corrispondere a quelli dell’acquario principale.

Perché i nuovi arrivati ​​devono essere isolati in quarantena?

Le vasche di quarantena permettono ai nuovi arrivati ​​di riprendersi dallo stress associato al trasporto, permettono loro di acclimatarsi a nuove condizioni dell’acqua in un ambiente privo di stress e ti permettono di monitorare attentamente la salute del tuo nuovo pesce, assicurandoti che non mostrino segni di malattia. Lo stress riduce la risposta immunitaria del pesce e consente agli organismi che causano malattie di sfruttare il loro stato indebolito. Non solo i nuovi arrivati ​​sono più suscettibili alle malattie / parassiti che possono esistere nell’acquario principale, ma possono potenzialmente ospitarli. Anche se sembrano sani, i nuovi arrivati ​​potrebbero non manifestare sintomi per giorni dopo l’acquisto. Le vasche di quarantena consentono ai nuovi arrivati ​​di riprendere forza, rendendoli più resistenti alle malattie quando vengono introdotti nell’acquario principale.

Per quanto tempo devono essere messi in quarantena nuovi pesci?

I nuovi arrivati ​​dovrebbero essere messi in quarantena per un periodo compreso tra 2 e 4 settimane. Molti organismi patogeni, come l’ictio, impiegano diverse settimane per completare il loro ciclo di vita e i segni visibili possono non verificarsi per diversi giorni. Un periodo di quarantena prolungato consente un ampio intervallo di tempo per monitorare i segni di malattia, come mancanza di appetito, perdita di colore, piaghe o ferite e altri cambiamenti fisici e comportamentali. Assicurati di fare il 10-15% di cambi d’acqua a giorni alterni per mantenere il serbatoio sano.

Gli acquari di quarantena sono usati solo per monitorare un pesce malato?

Isolare il pesce malato è solo uno dei tanti usi pratici delle vasche di quarantena. Poiché gli acquari di quarantena sono essenzialmente un acquario “extra” allestito insieme all’acquario principale, possono essere utilizzati temporaneamente per ospitare gli abitanti dell’acquario in caso di emergenze impreviste. Durante un’emergenza come un acquario che perde, ad esempio, se devi spostare i tuoi pesci in un’altra vasca dovendola reimpostare, può significare tempo sprecato, denaro buttato e la potenziale perdita degli abitanti dell’acquario. Le vasche di quarantena sono già mature e condividono condizioni di acqua simili a quelle del tuo acquario principale. Tutto ciò comporta che lo spostamento dei pesci avvenga nel migliore dei modi con il minimo apporto di stress e con relativa facilità.

Perché le persone non hanno (quasi) mai un acquario di quarantena?

La maggior parte delle persone non dispone di un acquario di quarantena a causa della spesa extra percepita e della manutenzione che la vasca richiederà. Tuttavia, un acquario di quarantena non ha bisogno di essere grande o costoso, e alla fine si ripagherà da solo. Infatti, una volta stabilita l’abitudine di utilizzare una vasca di quarantena, rimarrai impressionato dai vantaggi che riscontrerai.

Quali sono i vantaggi delle vasche di quarantena?

Oltre a prevenire la diffusione di malattie infettive, le vasche di quarantena consentono ai nuovi pesci di adattarsi ai nuovi parametri dell’acqua e alla dieta. Quando non vengono utilizzati per la quarantena, questi acquari possono adoperarsi anche come vasche di trattamento per pesci malati. Eseguire un trattamento medico nell’acquario principale per un agente patogeno che infetta solo pochi pesci, non è una buona pratica. Le vasche di quarantena consentono di trattare in sicurezza il pesce infetto senza danneggiare specie fragili o compromettere le piante o la qualità dell’acqua nella vasca principale. Altri usi della vasca di quarantena sono per fornire una zona di riproduzione per i pesci, un’area di recupero per i pesci bullizzati o un luogo in cui consentire ai pesci appena nati di crescere in sicurezza.

Quale dimensione dell’acquario di quarantena dovrei usare?

Una vasca da 100 litri è un ottimo acquario di quarantena ed è perfetto per la maggior parte delle specie di acqua dolce e salata. Tuttavia, andrà bene anche una vasca più piccola. Può andar bene anche una semplice[amazon_textlink asin=’B00JVUA8EI’ text=’ vasca di plastica o plexiglass’ template=’ProductLink’ store=’acf03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’db9e5903-1017-11e8-9747-69cec32c1eff’] tipo quelle dell’Ikea.

Di quale attrezzatura ho bisogno per il mio acquario di quarantena?

La maggior parte degli acquari di quarantena è allestita con illuminazione standard, un riscaldatore, rocce facili da pulire e tubi in PVC o piante di plastica per fornire al pesce la necessaria copertura. Per la filtrazione, un filtro a spugna funziona bene e può essere colonizzato con batteri nitrificanti posizionandolo nel pozzetto del filtro a secco o facendolo galleggiare nell’acquario tra un uso e l’altro. Dopo l’uso nella vasca di quarantena, assicurati di disinfettarlo e risciacquarlo bene prima di rimetterlo nel pozzetto. La maggior parte delle vasche di quarantena non ha substrato. Ciò li rende più facili da pulire e disinfettare.

Come disinfettare il mio acquario di quarantena?

Acquario e attrezzature possono essere disinfettati tra gli usi con una soluzione di candeggina leggera (2-5%). Assicurarsi che tutte le tracce di candeggina vengano risciacquate prima di riutilizzarle. L’essiccazione uccide anche molti, ma non tutti gli agenti patogeni acquatici. Assicurati di avere un sifone separato per il tuo acquario di quarantena e disinfettalo appena usato. Mi raccomando se utilizzi la candeggina, lava accuratamente il tutto più e più volte per non lasciarne la minima traccia.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *