5 fattori che portano a deficit dietetici nei pesci marini


5 fattori che portano a deficit dietetici nei pesci marini
5 fattori che portano a deficit dietetici nei pesci marini

Deficit dietetici nei pesci marini: non trascurare questi 5 fattori. La perdita occasionale di pesci è una realtà inevitabile che fa parte della gestione di qualsiasi acquario. Ma più spesso di quanto molti acquariofili vogliono ammettere, i pesci non muoiono perché il loro ciclo di vita è giunto al termine (dopotutto alcune specie possono vivere per decenni in cattività), ma perché un aspetto vitale delle loro esigenze è stato trascurato. 

Tra le principali cause di queste morti evitabili ci sono carenze nutrizionali che portano a morire di fame il pesce nonostante il fatto che stia comunque mangiando. Poiché queste morti spesso sembrano non avere una causa facilmente individuabile, vengono liquidate come perdite anomale che sono al di là del nostro controllo. Che cosa provoca queste carenze alimentari? Ecco cinque insidie ​​comuni su cui devi fare attenzione:

# 1 Sovraccarico di un tipo di cibo

È facile cadere nell’abitudine di fornire solo un alimento per gran parte del tempo perché è conveniente e/o tutti i pesci in vasca lo mangiano facilmente. Tuttavia, nessun singolo mangime può soddisfare tutte le esigenze nutrizionali di qualsiasi specie di pesce. Assicurati di offrire una ricca varietà di prodotti alimentari, in modo da riempire eventuali lacune nutrizionali. Anche variare le marche degli alimenti offerti può aiutare a colmare le carenze alimentari.

# 2 Offerta di alimenti nutrienti poveri

Tieni presente che anche una dieta varia può essere carente se tutti o gran parte dei cibi offerti sono poveri di nutrienti. Per metterlo in un contesto umano, si potrebbe sostenere che una dieta composta da torta al cioccolato, hamburger, patatine e birra sia una dieta varia. Ma è anche nutriente? Non così tanto. Allo stesso modo, se tutto ciò che offri al tuo pesce è povero di nutrienti, come il cibo in fiocchi e lattuga iceberg, si offre di certo una varietà di alimenti, ma non nutriente.

# 3 Alimentazione inappropriata

Diverse specie hanno esigenze molto diverse rispetto alla frequenza di alimentazione che deve essere rispettata.
Molti mangeranno tranquillamente una volta al giorno.
Alcuni (ad esempio, planctivori, come l’anthias) necessitano di più razioni durante il giorno.
Altri (ad esempio, predatori più grandi, come il pesce balestra) devono essere alimentati solo poche volte alla settimana.

# 4 Alimentazione generalizzata

Un altro errore comune è offrire un menù che soddisfi le esigenze nutrizionali della maggioranza degli esemplari, riducendo al tempo stesso le esigenze della minoranza. Ciò si verifica comunemente quando un acquario è popolato principalmente da pesci di facile alimentazione, ma contiene anche un abitante che di solito non accetta il cibo standard dell’acquario, come il mandarino (Synchiropus splendidus) .

Possiamo anche includere in questa categoria la trappola di offrire un menù di prodotti alimentari prevalentemente carnivori a specie principalmente erbivore, come chirurghi, e viceversa.

# 5 Sindrome da acquario sterile genera gravi deficit dietetici

Alcuni pesci, tra cui molti dei pesci angelo e pesci farfalla, pascolano tutto il giorno in cerca di organismi che crescono sulle rocce e sul substrato. Se allevati in sistemi “sterili” che non sono ben maturi e/o non dispongono di una quantità adeguata di roccia viva, questi pesci sono soggetti a carenze alimentari e alla fame graduale.

Tutti questi fattori possono portare a gravi deficit dietetici nei tuoi pesci che con il lungo termine possono causarne la morte. Segui questi consigli e fai sempre attenzione alle esigenze alimentari dei tuoi amici pinnuti.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *